le notizie che fanno testo, dal 2010

Costa Concordia monitorata dal satellite COSMO-SkyMed: le foto

Quasi tutti avranno ormai visto e rivisto le foto della Costa Concordia naufragata all'Isola del Giglio, scattate però sul luogo del disastro. Molti di meno, invece, avranno osservato quelle catturate dai satelliti COSMO-SkyMed.

Per fortuna la nave Costa Concordia, naufragata nei pressi dell'Isola del Giglio, non sembra voler affondare definitivamente. E' questo infatti il maggior timore di chi, quotidianamente, lavora attorno alla Concordia, soprattutto perché l'inabissarsi completo della nave, oltre a rendere praticamente impossibile il recupero del relitto, metterebbe in grave pericolo l'intero ecosistema della zona. All'interno della Costa Concordia, infatti, stivati in diversi serbatori, ci sono ben 2.400 tonnellate di carburante. La Protezione Civile continua a monitorare incessantemente la situazione, e per questo ha chiesto l'aiuto anche dell'ASI (Agenzia spaziale italiana), o meglio ancora dei satelliti Cosmo-SkyMed, che hanno sempre gli occhi (della telecamera) puntati sull'Isola del Giglio. Come riporta l'ASI, già nelle primissime ore successive all'incidente della Costa Concordia il sistema Cosmo-SkyMed aveva catturato un'immagine, in alta definizione, (http://is.gd/t6yO6m), offrendo un primo valido supporto alle autorità. Il compito di Cosmo-SkyMed, però, non è tanto quello di osservare l'inclinazione della Concordia, ma bensì quello ancor più delicato di controllare ogni eventuale sversamento in mare di oli. L'ASI riferisce quindi di aver attivato le modalità di emergenza dei satelliti di Cosmo-SkyMed, perché la zona è considerata come prioritaria da monitorare.
Da ricordare, infatti, che Cosmo-SkyMed è un sistema di osservazione satellitare della Terra concepito per scopi duali, civili e militari, e il suo ambizioso compito è quello di prevenire i disastri ambientali, oltre allo studio della superficie terrestre e per la sicurezza.
Nel caso del disastro del Giglio, l'Agenzia spaziale italiana fornirà alla Protezione Civile il massimo supporto per tutte le attività previste nella zona dell'incidente e, attraverso le elaborazioni interferometri, per la valutazione della stabilità della nave a integrazione del sistema di monitoraggio a terra, come spiega un comunicato dell'ASI.
Per gli appassionati, o per i semplici curiosi, ecco tutte le foto della Costa Concordia scattate dai satelliti Cosmo-SkyMed:
- Immagine del 19 gennaio http://is.gd/AMZxkN - Immagini del 20 gennaio (1) http://is.gd/xUGW1i - Immagini del 20 gennaio (2) http://is.gd/b4KFAM - Immagini del 20 gennaio (3) http://is.gd/oMWeRy Interessante anche consultare "la scheda della missione COSMO-SkyMed" (http://is.gd/bHGGHw).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: