le notizie che fanno testo, dal 2010

Corte dei Conti: in Italia tasse eccessive. Bonus Irpef Renzi è un surrogato

A soffocare l'Italia, stretta dalla crisi economica, sono le tasse. La Corte dei Conti sottolinea che "alla fine del 2013 la pressione fiscale era pari al 43,8% del PIL, quasi quasi quattro punti rispetto al valore medio degli altri ventisei paesi UE". La magistratura contabile esorta il governo ad attuare "un disegno equo e strutturale di riduzione e di redistribuzione dell'onere tributario", perché il bonu Irpef di Renzi, per esempio, è solo uno "strumento surrogato".

A soffocare l'Italia, stretta dalla crisi economica, sono le tasse. La Corte dei Conti afferma infatti che nel sistema tributario italiano c'è "un livello di prelievo eccessivo", evidenziando che "alla fine del 2013 la pressione fiscale era pari al 43,8% del PIL, quasi tre punti oltre il livello del 2000 e quasi quattro punti in più rispetto al valore medio degli altri ventisei Paesi UE". La magistratura contabile sottolinea che "l'eccesso di prelievo gravante sul fattore lavoro trova conferma nei dati dell'Ocse, che evidenziano un cuneo fiscale pari al 47,8% in Italia rispetto a una media UE a ventuno Paesi del 42%". L'abnorme carico fiscale contribuisce ovviamente anche al diffondersi del sommerso, con la Corte dei Conti che riporta come in Italia nel 2011 l'economia in nero valeva oltre un quinto del PIL, cioè pari al 21,1%. La Corte dei Conti non risparmia neanche il bonus Irpef voluto da Matteo Renzi per i dipendenti che guadagnano fino a 24mila euro l'anno, scrivendo nel suo ultimo rapporto: "Scelte selettive, rientranti nell'ambito proprio e naturale della funzione dell'Irpef, affidati a strumenti surrogati (i prelievi di solidarietà, i bonus, i tagli retributivi) sono all'origine di un sistematico svuotamento della base imponibile dell'Irpef finendo per intaccare la portata e l'efficacia redistributiva dell'imposta". Tali scelte infatti "allontanano e rendono più difficile, l'attuazione di un disegno equo e strutturale di riduzione e di redistribuzione dell'onere tributario". L'Italia, in altre parole, avrebbe una boccata d'ossigeno solo con una seria riforma fiscale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: