le notizie che fanno testo, dal 2010

Corte dei Conti: costo partecipate 26 miliardi l'anno. Ncd: serve Stato sussidiario

La Corte dei Conti stima che le società partecipate e municipalizzate costino allo Stato ben 26 miliardi l'anno, anche se un terzo sono in perdita. Gaetano Quagliariello ricorda che Ncd ha presentato un emendamento alle riforme per far si che lo stato possa passare da interventista a sussidiario.

"Il quadro che emerge dai dati della Corte dei Conti sulle società partecipate e municipalizzate non sorprende ma deve allarmare: questi sono i veri costi della politica e questo è il nodo gordiano da recidere se vogliamo uno Stato che agevoli l'iniziativa e non cerchi di sostituirsi malamente ad essa" afferma il coordinatore nazionale di Ncd, Gaetano Quagliariello, commentando i 26 miliardi all'anno che che lo Stato spende per le oltre 7500 partecipate pubbliche, la maggior parte delle quali in mano agli enti locali. La Corte dei Conti, inoltre, sottoliena come un terzo di queste società partecipate risulta in perdita. In una nota Quagliariello ricorda: "Il Nuovo Centrodestra ha presentato un emendamento alle riforme per mettere fine a questo scempio di proporzioni immani e far sì che, incentivando l'iniziativa e la concorrenza, si possa passare finalmente da uno Stato interventista a uno Stato sussidiario. - aggiungendo - Serve una norma di sussidiarietà rafforzata che consenta le società partecipate solo laddove sia dimostrato che non vi sia un privato che possa erogare lo stesso servizio a costi uguali o inferiori".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: