le notizie che fanno testo, dal 2010

Fini-Giovanardi incostituzionale: torna legge Jervolino-Vassalli dopo referendum

La Corte Costituzionale "boccia" la legge Fini-Giovanardi che equipara droghe leggere e pesanti, ma solo perché nel decreto di conversione furono inseriti emendamenti estranei all'oggetto e alla finalità del testo. Torna quindi, con la sentenza della Consulta, la legge Jervolino-Vassalli come modificata dal referendum del 1993.

La Corte Costituzionale "boccia" la legge Fini-Giovanardi che equipara la droga leggera (come la marijuana) a quella pesante (come la cocaina). Torna così in vigore la legge Jervolino-Vassalli come modificata dal referendum del 1993, che prevede pene più basse per le droghe leggere. La Consulta, però, non boccia la Fini-Giovanardi nel merito ma nel metodo di conversione in legge del decreto perché (nel 2006) furono inseriti molti emendamenti che, secondo la Suprema Corte, erano estranei all'oggetto e alla finalità del testo di partenza. Un decreto legge così convertito violerebbe quindi l'articolo 77 della Costituzione, come già evidenziato in passato dalla Cassazione. La pronuncia della Corte Costituzionale avrà ovviamente ripercussioni sia sul numero degli attuali detenuti arrestati con la Fini-Giovanardi sia sui procedimenti in corso.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: