le notizie che fanno testo, dal 2010

Passera: su riforma lavoro obiettivo è accordo. Tesoretto? Si vedrà

Corrado Passera spiega che sulla riforma del lavoro l'obiettivo è l'accordo, precisando però che se ci saranno "impasse" allora ci penserà Super Monti, che sta realizzando il "miracolo", italiano.

Corrado Passera assicura che l'obiettivo da raggiungere in merito alla riforma del lavoro è l'accordo, ma sottolinea anche, parlando a Sky Tg24 nel corso de "L'intervista", condotta da Maria Latella, che "il governo alla fine ha la responsabilità di trovare la sintesi e di superare eventuali 'impasse' che impedissero di trovare una soluzione". Che è poi la stessa cosa che ha già sottolineato Mario Monti, anzi "Super Monti" come lo definisce Passera, cioè che se governo e parti sociali non trovassero un intesa sulla riforma del lavoro, l'esecutivo andrà avanti da solo, che piaccia o meno ai sindacati. Una riforma del lavoro essenziale anche per la buona riuscita della riforma previdenziale, come sottolineò agli inizi di dicembre il ministro Elsa Fornero (http://is.gd/dFIdab).
Si torna intanto a parlare di "tesoretto" (una volta c'era anche quello di Prodi ma quasi nessuno si ricorda che fine abbia fatto), anche se Corrado Passera precisa immediatamente che "non è ancora chiaro il quanto e il quando di queste cifre disponibili, se saranno strutturali o saranno una tantum e dobbiamo decidere insieme su quali priorità metterle". Insomma, "credibilità è anche non fare annunci aperti, non definiti - continua Passera - e quindi quello del rimandare il discorso sul 'tesoretto' ". Di certo invece sembra esserci solo "il miracolo" che sta attuando Mario Monti, anche se non è certo la prima volta che politici utilizzano termini così enfatici per descrivere l'operato del premier. Prima di Passera era stato Enrico Letta a scrivere un biglietto a Monti dove chiariva: "Mario, quando vuoi dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall'esterno. Sia ufficialmente (Bersani mi chiede per es. di interagire sulla questione dei vice) sia riservatamente. Per ora mi sembra tutto un miracolo! E allora i miracoli esistono!".
Anche se la recessione dell'Italia, la previsione che la disoccupazione rimarrà alta anche nel 2013 come afferma l'Ocse (http://is.gd/qdCAsO) e la prospettiva di eliminare le tutele anche nel posto fisso sembrano essere tutt'altro che un evento miracoloso. Che sia invece per molti politici un "risultato insperato" è probabile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: