le notizie che fanno testo, dal 2010

Passera: Italia rischi recessione. Goldman Sachs: prima dell'austerity

Corrado Passera spiega, forse per coloro che non se ne sono ancora accorti, che l'Italia sta attraversando un "momento difficile" e che rischia "di entrare in recessione". Gli fa eco la Goldman Sachs, che ipotizza anche "il crollo della zona euro".

Sembra che l'analisi della banca d'affari Goldman Sachs e del ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera vada di pari passo. Mentre la Goldman Sachs stila un rapporto dove si prevede che "gran parte della zona euro, Italia, Spagna, Grecia, Portogallo resti in recessione nel corso del 2012", Corrado Passera spiega che il Paese sta attraversando un "momento difficile" e che rischia "di entrare in recessione per ragioni che non sono nostre come è successo anche tre anni fa (2008)". Passera assicura che per uscire dalla crisi il governo applicherà "rigore, crescita ed equità", e in molti si chiedono se queste "tre regole d'oro" ripetute ormai in ogni dichiarazione di ogni ministro saranno rispettate anche se si avverasse lo "scenario più pessimistico" presentato da Goldman Sachs, e cioè "il crollo dell'area euro" che inoltre sarà "necessariamente caotico e con un grande impatto negativo sulle economie". Interessante notare che la Goldman Sachs sottolinea che l'Unione europea è "già in territorio di recessione" prima ancora che "la maggior parte dei Paesi UE fosse interessata dai programmi di austerity". Di conseguenza, sembra di capire che le riforme che anche l'Italia si appresta ad adottare, per quanto siano "rigorose ed eque", porteranno inevitabilmente ad un periodo di recessione, a dispetto della tanto annunciata "crescita". Giorgio napolitano, intervenendo da "La Sapienza" (dove è stato presentato il suo libro "Una e indivisibile. Riflessioni sui 150 anni della nostra Italia"), precisa che l'Italia riuscirà a "vincere" la "grave" crisi soprattutto attraverso "un grande sforzo morale, politico e sociale". La battaglia, quindi, sembra essere ancora più difficile da combattere, penserà forse qualcuno. Figurarsi da vincere.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: