le notizie che fanno testo, dal 2010

Sud Corea: abolita legge anti adulterio. In Borsa si alza prezzo preservativi

La Corte Costituzionale della Corea del Sud ha abolito una legge risalente a 62 anni, che inquadrava come un reato l'adulterio, punibile fino a 2 anni di carcere. A gioire per la sentenza non solo gli adulteri sudcoreani ma anche le società quotate in Borsa che fabbricano preservativi.

Un tribunale sudcoreano ha abolito una legge risalente a 62 anni, che inquadrava come un reato le relazioni extraconiugali. La sentenza, emessa dalla Corte Costituzionale, afferma che la legge che vietava l'adulterio ha infatti "soppresso le libertà personali" ed ha influito sulla vita dei centinaia di migliaia di sudcoreani che sono stati incriminati in questi decenni. Per i giudici, infatti, la legge che vietava l'adulterio ha "limitato eccessivamente i diritti fondamentali dei cittadini, tra cui quello sugli affari sessuali". Questa è la quinta volta la Corte Suprema sudcoreana esamina il divieto di adulterio dal 1990. L'ultima volta, nell'ottobre 2008, i giudici avevano però deciso che la legge sull'adulterio non ledeva i diritti costituzionali. Dopo la sentenza di oggi, in Sud Corea saranno nulli i processi di adulterio in corso mentre le condanne comminate in passato potranno essere annullate. Finora, in Corea del Sud l'adulterio era punibile con una pena fino a due anni di carcere. A gioire per la sentenza non solo gli adulteri sudcoreani ma anche le società quotate in Borsa che fabbricano preservativi. Il prezzo delle azioni della Unidus Corp, produttore di condom in Corea del Sud, è infatti aumentato del 15% dopo l'uscita della sentenza.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: