le notizie che fanno testo, dal 2010

Kim Jong-un contro Trump: Corea del Nord sgancerà bomba H nel Pacifico

Continua la guerra, per ora solo a colpi di minacce e insulti, tra Donald Trump e Kim Jong-un. Dopo il discorso del presidente USA all'ONU, la Corea del Nord avverte che è pronta ad un test con una bomba all'idrogeno nell'Oceano Pacifico.

Nella speranza che non si trasformi mai in reale, prosegue la guerra a colpi di minacce e insulti tra Donald Trump e Kim Jong-un. Dopo che il presidente degli Stati Uniti davanti all'ONU ha bollato il leader nordcoreano come un "rocket man" promettendo la "distruzione totale della Corea del Nord", Kim Jong-un replica direttamente chiamando Trump "vecchio americano rimbambito mentalmente squilibrato".
Mai prima d'ora un leader della dinastia dei Kim aveva risposto, oltretutto in prima persona, direttamente a un presidente degli Stati Uniti.

Kim Jong-un sembra infatti essersela molto presa per il fatto che Trump ha insultato lui e il suo paese "davanti agli occhi del mondo" e per questo dichiara di stare "prendendo in seria considerazione di adottare un livello più elevato di contromisure come mai nella storia". Kim ha poi assicurato che "qualunque cosa Trump può prevedere, dovrà affrontare conseguenze che vanno oltre ogni sua aspettativa".
Il leader della Corea del Nord ha poi specificato: "Le dichiarazioni di Trump all'ONU mi hanno convinto, piuttosto che fare l'effetto di spaventarmi o fermarmi, che la strada che ho scelto è corretta e che è quella che devo seguire fino all'ultimo".

A svelare le intenzioni di Kim Jong-un ci pensa il ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho, annunciando che Pyongyang sarebbe pronta ad un test con una bomba all'idrogeno nel bel mezzo del Pacifico, tanto per accumulare un altro po' di radiazioni oltre a quelle sversate nell'Oceano dalle migliaia di tonnellate di acqua contaminata di Fukushima.
Ri Yong-ho avverte inoltre che quella con la bomba H potrebbe essere la "più potente detonazione nucleare" mai avvenuta nel Pacifico.

Immancabile la risposta sempre meno diplomatica di Trump che, dopo aver promesso ulteriori sanzioni USA contro la Corea del Nord, su Twitter scrive: "Kim Jong-un della Corea del Nord è chiaramente un pazzo a cui non dispiace affamare o uccidere la propria gente. Sarà testato (sic) come mai prima".

Sempre più preoccupate Cina e Russia, i Paesi confinanti con la Corea del Nord. Il ministro degli Esteri cinese Lu Kang sottolinea infatti che "tutte le parti in causa dovrebbero esercitare moderazione invece di provocarsi a vicenda" poiché "la situazione nella penisola coreana ora è grave". Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ribadisce che "non esiste alternativa alla diplomazia come mezzo per risolvere la situazione nella penisola coreana, poiché un altro percorso potrebbe avere conseguenze catastrofiche".

© riproduzione riservata | online: | update: 22/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Kim Jong-un contro Trump: Corea del Nord sgancerà bomba H nel Pacifico
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI