le notizie che fanno testo, dal 2010

G20: Cina e Sud Corea più vicine. E Nord Corea lancia 3 missili in mar del Giappone

Mentre nel corso del G20 Cina e Corea del Sud tentano un ravvicinamento, la Corea del Nord prosegue nelle sue provocazioni. Tre missili a medio raggio sono stati infatti lanciati da una zona vicino Pyongyang e caduti poco distanti all'isola di Hokkaido, nel mar del Giappone. Kim Jong-un assicura che ora la Corea del Nord "fa parte delle più grandi potenze nucleari".

La Corea del Nord ha lanciato questa mattina tre missili balistici che sono caduti nelle acque del mar del Giappone. A riferirlo è il comando congiunto dello Stato maggiore sudcoreano, mentre ad Hangzhou, in Cina, sono in corso i lavori del summit del G20.

I missili sono stati lanciati da Hwangju, una zona a sud della capitale Pyongyang. I tre missili a medio raggio hanno compiuto un tragitto di circa 1.000 km e sarebbero caduti non lontano dell'isola di Hokkaido. Secondo quanto riferiscono le agenzie nordcoreane, Kim Jong-un considera il lancio dei tre missili "la vittoria delle vittorie" ed assicura che ora Pyongyang "fa parte delle più grandi potenze nucleari in grado di sferrare un attacco atomico". Anche per questo Tokyo ha riferito di ritenere i lanci una "grave minaccia" alla propria sicurezza.

Il lancio dei missili balistici sembra una risposta (poco cordiale) alle critiche mosse alla Corea del Nord dal presidente cinese Xi Jinping nel corso di un bilaterale con la controparte sudcoreana Park Geun-hye, i quali si sono trovarti concordi nel ritenere che i rapporti tesi tra Seul e Pechino sono causati anche dalle ripetute provocazioni effettuate da Pyongyang. Sia Xi Jinping che Park Geun-hye considerano infatti i test nucleari ed i lanci di missili da parte della Corea del Nord una sfida alle relazioni tra Cina e Corea del Sud, oltre che una minaccia alla pace nella regione.

Durante il G20, la Cina ha comunque rinnovato la sua ferma contrarietà all'arrivo in Corea del Sud degli avanzati sistemi antimissili americani THAAD (Terminal High Altitude Area Defense) che dovrebbero diventare operativi entro la fine del 2017 per scoraggiare le intemperanze della Corea del Nord, stando agli accordi siglati tra Seul e Washington.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: