le notizie che fanno testo, dal 2010

Corea del Nord sul piede di guerra: ultimatum scade sabato 22 agosto

Sta per scadere l'ultimatum che Kim Jong-un ha lanciato alla Corea del Sud. Se infatti Seoul non la smetterà di trasmettere dai suoi altoparlanti piazzati al confine i messaggi di propaganda, la Corea del Nord dalla mezzanotte di sabato 22 agosto poterà avanti delle azioni militari.

Sta per scadere l'ultimatum che Kim Jong-un ha lanciato alla Corea del Sud. Se infatti Seoul non la smetterà di trasmettere dai suoi altoparlanti piazzati al confine i messaggi di propaganda, la Corea del Nord dalla mezzanotte di sabato 22 agosto poterà avanti delle azioni militari. E' quanto infatti promette Pyongyang, che ha già avvertito Seoul che non sta scherzando sparando un piccolo razzo verso la provincia occidentale di Gyeonggi, a poche decine di chilometri a sud rispetto alla capitale. Inoltre, Kim Jong-un, comandante supremo dell'esercito della Corea del Nord , ha ordinato alle unità militari stanziate in prima linea lungo il confine di mettersi sul piede di guerra. Il governo di Seoul, solido alleato degli Stati Uniti, non sembra però intenzionato a cedere alle minacce di Pyongyang tanto che il Ministero della Difesa sudcoreano giura di essere pronto a rispondere con tutte sue forze (militari) alle provocazioni della Corea del Nord. A far infuriare Kim Jong-un non solo la guerra psicologica iniziata dalla Corea del Sud ma anche il fatto che 6 dei 36 colpi di artiglieria sparati ieri da Seoul in risposta al piccolo razzo che avrebbe colpito uno degli altoparlanti avrebbero sfiorato i posti di guardia nordcoreani posti al confine. Pyongyang dice di considerare tale atto come una "provocazione sconsiderata".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: