le notizie che fanno testo, dal 2010

Corea del Nord: non ci sarà nessun accordo sul nucleare come con l'Iran

Non ci sarà nessun accordo sul nucleare in stile iraniano con la Corea del Nord. Ad annunciarlo è Pyongyang attraverso una nota del Ministero degli Esteri chiarendo che la Corea del Nord è diverso dall'Iran, perché ha già armi nucleari e che non è interessata a "discutere il congelamento o lo smantellamento delle armi atomiche in maniera unilaterale".

Non ci sarà nessun accordo sul nucleare in stile iraniano con la Corea del Nord. Ad annunciarlo è Pyongyang che ha descritto come "provocatorie" le politiche americane. Il programma nucleare della Corea del Nord è una delle maggiori preoccupazioni nella regione, poiché Pyongyang ha condotto test con armi atomiche nel 2006, nel 2009 e nel 2013. Diversi analisti sostengono che la Corea del Nord ha avuto la capacità di costruire un piccolo quanto crescente arsenale nucleare. Ed infatti, il portavoce del ministero degli Esteri ha affermato che la Corea del Nord è diverso dall'Iran, perché ha già armi nucleari. La Corea del Nord giustifica questa corsa agli armamenti con il fatto che deve affrontare continue minacce militari e nucleari da parte degli Stati Uniti. In una dichiarazione del ministero degli Esteri nordcoreano viene quindi chiarito che il governo "non è interessato ad un dialogo per discutere il congelamento o lo smantellamento delle armi nucleari in maniera unilaterale", aggiungendo che "rimarrà invariata la sua forza nucleare fino a quando gli USA continueranno a perseguire una politica ostile" verso la Corea del Nord. La Corea del Nord non ritiene infatti logico confrontare la sua situazione con quella dell'Iran perché, si legge nella nota: "Siamo sempre sottoposti a provocanti ostilità militari americane, tra cui imponenti esercitazioni militari congiunte e una grave minaccia nucleare". Nel maggio scorso il Segretario di Stato americano John Kerry aveva annunciato che gli Stati Uniti, la Corea del Sud, la Cina, la Russia e il Giappone stavano coordinando i tentativi per coinvolgere la Corea del Nord a procedere a colloqui preliminari sul programma nucleare di Pyongyang. Attualmente gli Stati Uniti impiegano circa 28.500 soldati in Corea del Sud come deterrente contro potenziali aggressioni da parte della Corea del Nord, visto che la guerra di Corea del 1950-1953 si è conclusa con un armistizio e non un trattato di pace.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: