le notizie che fanno testo, dal 2010

Corea del Nord: armistizio del 1953 con Seul "completamente nullo"

La Corea del Nord annuncia che l'armistizio del 1953 con la Corea del Sud è "completamente nullo ad oggi". Il governo di Pyongyang avverte che "una guerra nucleare può scoppiare in qualsiasi momento" contro la Corea del Sud, che rilancia: "Risponderemo con una potenza 10 volte più forte".

La minaccia della Corea del Nord, almeno sulla carta, sembra essersi compiuta. Il Rodong Sinmun, quotidiano del Partito dei lavoratori nordcoreano, ha rivelato che la Corea del Nord considera infatti l'armistizio del 1953 con la Corea del Sud "completamente nullo ad oggi", a causa delle manovre congiunte tra Seul e Washington. Il quotidiano sottolinea inoltre che per la Corea del Nord è giunto il "tempo per la battaglia finale", che si dovrebbe combattere con armi nucleari. Pyongyang minaccia infatti un "attacco preventivo con armi atomiche" contro USA e Corea del Sud che non vogliono fermare le manovre militari congiunte al confine con la Corea del Nord. Il governo di Pyongyang considera infatti le esercitazioni congiunte Foal Eagle, partite a inizio mese e destinate a chiudersi a fine aprile, non solo una "provocazione" ma anche le prove generali "per un'invasione" della Corea del Nord. Viene inoltre interpretata come una "dichiarazione di guerra" anche la stretta delle sanzioni ONU alla Corea del Nord. L'annullamento dell'armistizio con la Corea del Sud arriva dopo che, pochi giorni fa, laCorea del Nord aveva anche abrogato "tutti gli accordi di non aggressione" e tagliato la "linea rossa" telefonica con Seul perché "non c'è niente di cui parlare". Già allora il governo di Pyongyang affermava che "quello che resta da fare è regolare i conti con loro solo con la forza fisica" spiegando che "una guerra nucleare può scoppiare in qualsiasi momento". E così, la Corea del Nord annuncia "manovre militari a livello nazionale" al confine con il Sud, tanto che gli esperti di geopolitica confermano che "rischi d'incidente sono altissimi". Da parte sua, la Corea del Sud avverte che se Pyongyang farà qualche passo falso "risponderà con una potenza 10 volte più forte".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: