le notizie che fanno testo, dal 2010

La minaccia del Corano in fiamme preoccupa l'Interpol

Il pastore Terry Jones sembra fare marcia indietro sull'opportunità di bruciare il Corano per ricordare l'11 Settembre, ma solo se le autorità glielo chiederanno. Intanto l'Interpol lanncia l'"allerta globale".

Terry Jones, il pastore della Florida che ha annunciato al mondo di voler bruciare una copia del Corano per festeggiare l'anniversario dell'11 settembre potrebbe, se glielo chiedesero direttamente le autorità (ad esempio direttamente Barack Obama) rinunciare ai suoi propositi.
Per ora Obama e Hillary Clinton hanno criticato insieme al Ministro della Difesa Robert Gates la volontà del reverendo, ma nessuno di loro ha chiesto direttamente di tornare a più miti consigli.
Le dichiarazioni del reverendo hanno ovviamente fatto il giro del mondo e preoccupano gli analisti e l'Interpol che, nella sua sede a Lione, ha comunicato l'"allerta globale" a tutti i 188 paesi membri che aderiscono all'organizzazione. Grazie alla folle idea del reverendo Jones c'è "la forte possibilità di attacchi violenti", e sicuramente di una catastrofe politica internazionale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Barack Obama# Corano# Florida# Hillary Clinton