le notizie che fanno testo, dal 2010

Manifesto delle imprese, PD: pronti al confronto

Confindustria, insieme a Rete imprese, Alleanze delle cooperative e Abi ha presentato il "Progetto delle imprese per l'Italia", un manifesto articolato in 5 punti che dovrebbe aiutare il Bel Paese ad uscire dall'eterna crisi in cui versa. Pronto al confronto il PD.

Confindustria, insieme a Rete imprese, Alleanze delle cooperative e Abi ha presentato il "Progetto delle imprese per l'Italia", un manifesto articolato in 5 punti che dovrebbe aiutare il Bel Paese ad uscire dall'eterna crisi in cui versa e che si è andata aggravando in questi ultimi mesi. Come già anticipato pochi giorni fa da Emma Marcegaglia, il Manifesto delle imprese si articola in particolare su 5 punti. Il tasto principale su cui battono le imprese è una radicale riforma delle pensioni, che, stando ai loro calcoli, aprirebbe la porta alla tanto annunciata riforma fiscale del governo. L'idea è quella di portare l'età pensionabile per tutti a 65 anni, in maniera tale da acquisire 18 miliardi nel 2019. L'obiettivo fiscale da raggiungere, invece, è abolire l'Irap e tagliare l'Irpef per i redditi più bassi. In programma anche una piccola patrimoniale e la lotta all'evasione fiscale, consigliando di fissare a 500 euro il limite per l'utilizzo del contante. "Per il ritorno alla crescita è indispensabile ridurre in maniera drastica l'eccesso di regolamentazione" aggiungono infine le imprese, concludendo che essenziale per acquisire fondi è la cessione del patrimonio pubblico (mobiliare e immobiliare). Ad accogliere con soddisfazione le proposte delle imprese è il PD, che sottolinea come "alcuni dei punti, a partire da quello sul fisco, vanno nella stessa direzione". "Noi siamo pronti al confronto e alla sinergia con la volontà riformatrice che quel manifesto esprime" afferma il vicesegretario del PD Enrico Letta. Stupita invece una parte della base del PD, che commentando sul sito del partito fanno notare come non si sia ancora sentito "un discorso chiaro circa la posizione del PD sulle aberranti proposte di Confindustria sulle Pensioni", come evidenzia "filippo vitali", aggiungendo, in un coro di proteste: "Dimenticavo: Siamo arrivati al punto che le pensioni vengono difese dal ministro Sacconi e dalla Lega, mentre il PD sembra in perfetta sintonia con Confindustria".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: