le notizie che fanno testo, dal 2010

Ddl concorrenza, Assoturismo: bene "emendamento Booking"

Al ddl concorrenza è stato approvato un emendamento che consente agli hotel di praticare prezzi più bassi rispetto alle offerte degli intermediari online, come Booking.com.

Al ddl concorrenza è stato approvato un emendamento che consente agli hotel di praticare prezzi più bassi rispetto alle offerte degli intermediari online, come Booking.com. Appare soddisfatto di questo provvedimento il presidente di Assoturismo - Confesercenti Claudio Albonetti che commenta: "Finalmente una scelta che ha premiato la libertà di mercato. Un mercato che la richiede fortemente e che ha fatto proprio della libertà tariffaria, ove possibile, la sua forza". In definitiva, la norma annulla le clausole che vietavano agli albergatori di praticare alla clientela finale prezzi a condizioni migliori rispetto a quelli applicati dalle stesse imprese tramite intermediari terzi, premiando non solo gli imprenditori delle strutture ricettive, ma anche e soprattutto il consumatore finale che potrà avere la possibilità di ottenere la migliore tariffa sul mercato digitale, come spiega Assoturismo. "Siamo sulla buona strada - sottolinea Albonetti - ma per realizzare un reale cambiamento resta il problema della tassa di soggiorno che va trasformata da gabella medievale in vera tassa di scopo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: