le notizie che fanno testo, dal 2010

Embargo russo costato ad agricoltori 355 milioni di euro. Italia avvi risoluzione diplomatica, dice Cia

"L'embargo russo continuerà a pesare sulle spalle delle nostre imprese agricole per i prossimi due anni, senza esserne la causa né il motivo" denuncia il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, dopo la firma del presidente Vladimir Putin del decreto che estende alla fine del 2017 l'embargo sui prodotti agroalimentari dell'Unione europea.

"L'embargo russo continuerà a pesare sulle spalle delle nostre imprese agricole per i prossimi due anni, senza esserne la causa né il motivo" denuncia in una nota il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, dopo la firma del presidente Vladimir Putin del decreto che estende alla fine del 2017 l'embargo sui prodotti agroalimentari dell'Unione europea"
"È ormai dall'agosto del 2014 - ricorda la Confederazione italiana agricoltori -, data d'inizio del blocco da parte di Mosca, che sottolineiamo la drammaticità delle conseguenze di una crisi diplomatica che vede, ingiustificatamente, gli agricoltori tra i principali soggetti economici penalizzati. Dal suo avvio e fino alla fine dello scorso anno, tra frutta, verdura, carni e prodotti lattieri, l'embargo è costato agli agricoltori italiani 355 milioni di euro e le esportazioni, verso un mercato fino a qualche tempo fa strategico, si sono dimezzate."
"In questi due anni, la Cia è stata sempre in prima linea nel manifestare il suo dissenso sia verso la mancanza di soluzioni diplomatiche per la riapertura commerciale sia verso le misure messe in campo per arginare la crisi" ricorda Scanavino.
"Finalmente - assicura il presidete della Cia - nella nostra battaglia non siamo più soli e anche il ministro Maurizio Martina, nonché alcuni esponenti del mondo istituzionale, politico e associativo sembrano aver preso coscienza della gravità della situazione. Gli agricoltori italiani ora si augurano che segua un impegno in sede diplomatica per una risoluzione celere e definitiva della crisi."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: