le notizie che fanno testo, dal 2010

Coldiretti: eliminare data scadenza per abbassare standard qualità a cibi

Il tentativo di eliminare la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro" dagli alimenti a lunga conservazione è il "solito tentativo dei Paesi del Nord Europa di livellare il cibo sulle tavole europee ad uno standard di qualità inferiore" a quello dell'Italia, commenta la Coldiretti.

Il tentativo di eliminare la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro" dagli alimenti a lunga conservazione non vuol dire solo "dire addio a qualsiasi informazione chiara che consenta al cittadino di 'datare' il prodotto", come sottolinea Federconsumatori, ma anche tagliare la qualità del cibo in vendita in Europa. La Coldiretti sottolinea che tale proposta, presentata ial Consiglio dei ministri dell'Agricoltura UE da Olanda, Svezia, Austria, Germania, Danimarca e Lussemburgo, rappresenta infatti il "solito tentativo dei Paesi del Nord Europa di livellare il cibo sulle tavole europee ad uno standard di qualità inferiore" a quello dell'Italia. Per la Coldiretti, la proposta di eliminare tale data di scadenza per cercare di eliminare gli sprechi alimentari è quindi "solo una scusa" anche perché "la tendenza al contenimento degli sprechi è forse l’unico aspetto positivo della crisi" visto che tre italiani su quattro (73 per cento) nel 2013 hanno tagliato gli sprechi a tavola, pur continuando a buttare nel bidone della spazzatura ben 76 chili di prodotti alimentari a testa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: