le notizie che fanno testo, dal 2010

Scuola: stangata da 1.100 euro a studente per famiglie italiane

Il Codacons calcola i rialzi sui prezzi del materiale scolastico.

"Tornano a crescere nel 2017 i prezzi di diari, astucci, zaini e materiale scolastico" rivela in una notail Codacons, che prevede una 'stangata' di settembre per le famiglie italiane alle prese con l'acquisto del corredo scolastico per gli studenti.
"Negozi e supermercati di tutta Italia hanno già rifornito gli scaffali di tutto l'occorrente per la scuola: si va da diari e quaderni 'low cost' a zaini e astucci griffatissimi con le marche del momento, sempre più richieste dai giovanissimi" prosegue l'associazione dei consumatori-
"In base alle prime stime del Codacons per il corredo scolastico (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) i prezzi al dettaglio, rispetto al 2016 e dopo un biennio di sostanziale stabilità dei listini, registrano quest'anno un incremento medio del +2,5%, con punte del +3,9% per gli zainetti griffati" si continua.

"Per la prima volta, dunque, la spesa per il materiale scolastico sfonderà la soglia dei 500 euro a studente, raggiungendo durante l'anno scolastico 2017/2018 quota 511 euro a studente su base annua, cui va aggiunto il costo per libri di testo, altra voce che inciderà pesantemente sui portafogli delle famiglie italiane, variabile a seconda del grado di istruzione e della scuola" viene osservato.
"Tra corredo e libri di testo - denuncia il Codacons - la spesa complessiva può superare i 1.100 euro a studente, una vera e propria stangata per le tasche degli italiani".

© riproduzione riservata | online: | update: 19/08/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Scuola: stangata da 1.100 euro a studente per famiglie italiane
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI