le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi 2014: prima del referendum Raggi revochi delibere, dice Codacons

"Prima di indire qualsiasi referendum sulle Olimpiadi a Roma, il sindaco Raggi deve revocare le delibere della precedente amministrazione che autorizzano la candidatura della Capitale per i Giochi Olimpici del 2024", spiega in un comunicato il Codacons.

"Prima di indire qualsiasi referendum sulle Olimpiadi a Roma, il sindaco Virginia Raggi deve revocare le delibere della precedente amministrazione che autorizzano la candidatura della Capitale per i Giochi Olimpici del 2024" sottolinea in una nota dal Codacons, che invia una diffida inviata al sindaco e all'assessore allo sport Daniele Frongia e un esposto alla Corte dei Conti.
«Il Comune di Roma ha emesso una serie di atti finalizzati alla candidatura della città per le Olimpiadi del 2024, provvedimenti che comportano una serie di attività e di costi per l'amministrazione, per la collettività e per le istituzioni sportive - spiega infatti il presidente Carlo Rienzi - Un eventuale referendum, nel caso in cui bocciasse la candidatura di Roma, comporterebbe di fatto uno spreco delle risorse pubbliche utilizzate per effetto di tali atti, impugnati dal Codacons davanti al Tar del Lazio. Per questo il sindaco, se vuole indire un referendum sulle Olimpiadi, deve immediatamente revocare le delibere relative alla candidatura di Roma 2024, in modo così da bloccare i danni economici per la collettività».
«Vogliamo evitare che accada quel che è successo per il Ponte sullo Stretto, dove lo Stato ha speso milioni di euro per un progetto che non ha visto mai la luce» conclude il presidente del Codacons.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: