le notizie che fanno testo, dal 2010

Coalizione sociale: assemblea nazionale 13 settembre e mobilitazione 17 ottobre

La Coalizione sociale lanciata dal leader della Fiom Maurizio Landini annuncia di avere in programma per il 13 settembre a Roma una assemblea nazionale per organizzare le iniziative che sfoceranno in una manifestazione il 17 ottobre 2015, giorno in cui dovranno "convergere le nostre energie migliori" come si legge in una nota su Facebook.

La Coalizione sociale lanciata dal leader della Fiom Maurizio Landini annuncia di avere in programma per il 13 settembre a Roma una assemblea nazionale per organizzare le iniziative che sfoceranno in una manifestazione il 17 ottobre 2015, giorno in cui dovranno "convergere le nostre energie migliori" come si legge in una nota su Facebook. Coalizione sociale denuncia infatti che "in questi anni di crisi, austerità e ricatto del debito pubblico, chi in alto ha deciso e imposto l'austerità e accresciuto le diseguaglianze ha convinto gran parte della popolazione che soffre gli effetti della crisi che la responsabilità di tale situazione non fosse di chi ha causato la crisi e con la crisi si è arricchito, ma di noi cittadini. - aggiungendo - Ciascuno di noi, maggioranza invisibile in Italia e in Europa, vede la povertà come una minaccia sempre più concreta. La comprensibile paura di perdere quel poco che rimane a ciascuno viene usata per alimentare un clima di violenza, aggressività verso tutti coloro che vivono nella medesima condizione, se non addirittura peggiore".
Nel comunicato di Coalizione sociale viene ricordato quanto in questi anni siano cresciute "le disuguaglianze" con l'Ocse che certifiche che "il 20% più ricco della popolazione italiana possiede il 61,4% della ricchezza, mentre quello più povero lo 0,4%". "Dopo 8 anni di crisi e di politiche di austerity tra Monti e Renzi, viviamo in un paese più povero, più diseguale, un paese sconfitto e risentito, un paese in cui invece di lottare contro la povertà si fa la guerra ai poveri. - si prosegue - E' inaccettabile che chi lavora o è alla ricerca di un lavoro, chi ha a cuore il bene comune della società, dell'ambiente in cui viviamo, debba subire in silenzio ed essere indotto a odiare chi è nelle sue stesse condizioni o addirittura in condizioni peggiori, mentre corrotti e corruttori possono continuare a delinquere immuni, perché garantiti, o a godere di ricchezze patrimoniali gigantesche tutelate da politiche da politiche fiscali che favoriscono la rendita".
Coalizione sociale ritiene quindi che "la giornata del 17 ottobre" sia "una grande occasione, sulla quale far convergere le nostre energie migliori" quali: "giornata mondiale per l'«eradicazione della povertà», il 17 ottobre è stato già indicato dalla campagna 'Miseria ladra' come momento di mobilitazione per il reddito minimo garantito; la Coordination Blockupy ha rilanciato con forza 3 giorni di mobilitazione, dal 15 al 17 ottobre, contro il vertice UE di Bruxelles, indicando nel 17 tappa di convergenza transnazionale contro le politiche di austerity". La giornata di mobilitazione del 17 ottobre ha quindi come obiettivo quello di una "convergenza delle lotte" per condividere "progettualità di innovazione sociale" e "rigenerazione delle città".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: