le notizie che fanno testo, dal 2010

Cina: addio "compagno"

In Cina ai dipendenti dei trasporti pubblici è stato vietato di usare l'appellativo "compagno". La parola forse è ancora troppo carica di ideali.

In Cina non si potrà più salutare con l'appellativo "compagno", almeno se si fa parte dell'ente che gestisce i trasporti pubblici di Pechino. La compagnia, infatti, attraverso un nuovo regolamento ha vietato ai propri dipendenti di salutarsi usando la parola "compagno", che in Cina si pronuncia tongzhi. Forse perché tongzhi non è solo una parola. Ogni volta che si pronunciava si rievocavano vecchi ideali a quanto pare passati o perlomeno che non si vogliono più esibire. Al posto del vecchio "buongiorno compagno", i dipendenti dei trasporti cinesi lo potranno sostituire con l'innocuo "buongiorno signore e signora". La Cina sarà certo comunista ma non proprio rivoluzionaria.

© riproduzione riservata | online: | update: 24/07/2010

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
Cina
social foto
Cina: addio "compagno"
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI