le notizie che fanno testo, dal 2010

Charlize Theron: quasi sempre infelice. Ma felicità me la sono gustata

Charlize Theron sarà a breve di nuovo sul grande schermo con il film "Young Adult", diretto da Jason Reitman dove interpreta una donna che "non sa trovare una via d'uscita ai suoi problemi". Al contrario dell'attrice, che confessa però di come sia stata "quasi sempre infelice".

Charlize Theron, che qualcuno immagina ancora come la bionda platinata della pubblicità del Martini (che l'ha lanciata), è pronta a debuttare nuovamente sul grande schermo con "Young Adult", diretto da Jason Reitman, che l'attrice rincorse durante la scorsa cerimonia degli Oscar per convincerlo a fare un film con lei. La pellicola, che uscirà nelle sale la prossima settimana negli Stati Uniti e a marzo in Italia, racconta di come "tutti invecchiano, ma non tutti crescono", come recita il sottotitolo di "Young Adult", dove Charlize Theron interpreta la parte che di norma viene pensata per un uomo, eterno bambinone che "non sa trovare una via d'uscita ai suoi problemi", come descrive il suo personaggio l'attrice e modella sudafricana naturalizzata statunitense. Charlize Theron in "Young Adult" sarà infatti Mavis Gray, una scrittrice in crisi, amante dei reality show, volgare e anche un po' bugiarda, che crede di risolvere i suoi problemi tornando nella sua cittadina d'origine per rincontrare il suo fidanzatino del liceo, che però nel frattempo si è sposato e aspetta un figlio. "Non credo sia una donna cattiva. Soltanto non sa trovare una via d'uscita ai suoi problemi. E' un personaggio talmente umano che mi imbarazza rivedere me che lo interpreto perché ha messo a nudo alcune mie fragilità" racconta Charlize Theron parlando di Mavis, precisando però, nel corso di una intervista a "La Repubblica", come tra le sue "debolezze" non c'è certo quello di rincorrere un amore passato. "Sono una donna che va dritta, non torno mai sui miei passi" continua l'attrice, precisando che da quando è adulta "è la prima volta" che sta "da sola", ma di sentirsi comunque molto bene, anche senza un compagno. Charlize Theron parla anche della sua bellezza, spesso messa in secondo (se non terzo) piano nei personaggi che sceglie di interpretare, come in "Monster", che le è valso l'Oscar, vestendo i panni della serial killer Aileen Wuornos. "Mi sento fare questa domanda spesso - spiega la Theron a La Repubblica - Lei così bella, avrà avuto tutto facile? Ah sì?, penso, non sapete proprio niente di me. Perché la mia vita non è stata mai facile, anzi". L'attrice, infatti, ha avuto una infanzia difficile, assistendo anche alla morte del padre Charles, alcolizzato, ucciso dalla moglie (e madre di Charlize Theron) per legittima difesa. Charlize Theron confessa quindi: "Io sono stata quasi sempre infelice, e quei pochi momenti di felicità me li sono gustati fino in fondo, centellinandoli come un vino prelibato", aggiungendo e precisando, consapevole forse di come certe frasi vengano spesso estrapolate e travisate dal grande pubblico: "Ma tranquilli, non sono fuori dal mondo, riconosco la mia sorte e ringrazio ogni giorno gli astri che mi hanno permesso di fare tutte le cose che ho fatto e avere successo come attrice".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: