le notizie che fanno testo, dal 2010

Pensioni: con estensione Ape si recuperano molti disoccupati, dice Damiano (PD)

Cesare Damiano del Pd sulla possibile estensione dell'Ape.

"Il ministro Giuliano Poletti ha fatto bene a chiedere all'Inps una interpretazione più estensiva delle norme per l'applicazione dell'Ape. Anche noi - espone in una nota Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro a Montecitorio -, insieme ai patronati, abbiamo denunciato una situazione inaccettabile che avrebbe portato alla bocciatura di oltre la metà delle domande e siamo contenti che ci sia stata una marcia indietro. Potranno essere recuperati i disoccupati che hanno svolto lavori temporanei, alcuni lavoratori impegnati in attività gravose in fase di accertamento Inail, lavoratori che abbiamo fatto domanda per una salvaguardia-esodati e resi validi i versamenti contributivi effettuati in Paesi UE."

"Un passo avanti di cui siamo soddisfatti che rompe alcune inverosimili resistenze burocratiche. Monitoreremo la situazione per verificare la concretezza di questa svolta. Ora si apre un secondo fronte: quello dei risparmi sulle salvaguardie. Le supervalutazione dei numeri e delle risorse fatte da Inps e Ragioneria hanno sbagliato l'obiettivo del 50% per quanto riguarda l'ottava salvaguardia. È inutile dire che la Commissione Lavoro della Camera si batte - precisa quindi il deputato del Partito Democratico -, inutilmente da anni, contro questa assurda deriva. I 30.700 salvaguardati dell' 'ottava' si sono ridotti a 16.294, portando il complesso dei salvaguardati a 153.389".

Spiega in conclusione: "I soldi risparmiati che vanno al Fondo occupazione, dovranno essere utilizzati, a nostro avviso, per nuovi interventi migliorativi sulla previdenza. L'incontro di lunedì con i sindacati sarà decisivo. Facciamo alcuni esempi: si potrebbe migliorare l'accesso all'APE sociale anche prevedendo l'inclusione delle lavoratrici disagiate con figli e ulteriori semplificazioni per usuranti e gravosi. Oltre a questo, noi chiediamo che venga rinviata a giugno del 2018 la decisione relativa all'aumento dell'età pensionabile che dovrebbe scattare dal 2019. Infine, un analogo monitoraggio andrebbe fatto sulle risorse stanziate, ma non spese, relative a Opzione Donna: anche in questo caso si tratta di previsioni ampiamente sbagliate per le quali andrebbe previsto un recupero delle somme non spese per consentire un prolungamento della normativa."

© riproduzione riservata | online: | update: 16/10/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Pensioni: con estensione Ape si recuperano molti disoccupati, dice Damiano (PD)
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI