le notizie che fanno testo, dal 2010

Cassazione: ok riduzione pena a condannati per piccolo spaccio

La Cassazione da il via libera alla richiesta di riduzione della pena per i condannati in via definitiva e recidivi per piccolo spaccio di droga. Sentenza che procede nel solco della incostituzionalità della norma della Fini-Giovanardi.

La Cassazione ha accolto il ricorso della procura di Napoli contro la decisione del tribunale, che aveva negato a un condannato recidivo per piccolo spaccio di droghe di ottenere il ricalcolo della pena a seguito della sentenza sulla incostituzionalità della norma della Fini-Giovanardi. I condannati in via definitiva e recidivi per piccolo spaccio di droga potranno quindi chiedere una riduzione della pena. La decisione della Cassazione porterà quindi a far uscire dal carcere migliaia di detenuti condannati per piccolo spaccio. Sembra infatti che nelle carceri italiani ci siano circa 10mila detenuti per spaccio di lieve entità. Non potranno però chiedere uno sconto della pena i "condannati in via definitiva per spaccio di droghe pesanti commesso con l'associazione a delinquere". Giuseppe Maria Berruti, direttore del massimario della Cassazione, sottolinea che "la decisione della Cassazione mette l'Italia al passo con la giurisprudenza di Strasburgo e, insieme alle due sentenze della Consulta, ci mettono più 'in regola' con la Carta di Diritti dell'Uomo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: