le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Melania Rea:uccisa con tecnica militare?Parolisi non risponde

Salvatore Parolisi, indagato per l'omicidio della moglie, Melania Rea, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Sembra che tra le possibili domande degli inquirenti ci sarebbe stata anche quella sulla tecnica militare chiamata "assalto alla sentinella".

Avrebbe forse dovuto essere una lunga giornata, quella di ieri, quella fissata per l'interrogatorio di Salvatore Parolisi, marito di Carmela Rea, ormai conosciuta come Melania, che da qualche giorno non è più semplicemente persona informata dei fatti ma indagato, per omicidio volontario. Salvatore Parolisi si è presentato davanti ai pm di Ascoli Piceno Umberto Monti ed Ettore Picardi in perfetto orario, ma si è valso della facoltà di non rispondere. Una decisione che sembra abbia deluso non solo gli inquirenti, che avrebbero voluto chiarire determinate questioni e circostanze ancora confuse, ma anche i familiari di Melania Rea, che commentano: "Se (Parolisi, ndr) voleva dare una mano a far luce su questo terribile omicidio doveva parlare".
Non rispondere alle domande dei pm è naturalmente un diritto del caporalmaggiore, ma finora Salvatore Parolisi aveva sempre collaborato e questa "svolta" per qualcuno sa già di cambio di strategia. Stando ad indiscrezioni riportate da "Il Messagero" (http://is.gd/X5PgZZ), infatti, i pm avrebbero in particolar modo chiesto a Salvatore Parolisi delucidazioni sul cosiddetto "assalto alla sentinella". L'assalto alla sentinella sarebbe una tecnica militare precisa, studiata appunto per neutralizzare un uomo di guardia. Stando a "Il Messagero", infatti, che cita "carte dell'autopsia del professor Tagliabracci", Melania Rea sarebbe stata uccisa proprio con questa tecnica militare. "E' stata messa a tacere con una mano sulla bocca - scrive Nino Cirillo - le è stata procurata una tremenda torsione del capo e poi è partita la prima coltellata alla gola". La prima di quelle 32 tremende coltellate che hanno spezzato la vita di Melania. Sembra che ad avvalorare la tesi della tecnica militare possa essere anche il fatto che Melania Rea sia stata trovata, quel 20 aprile nel Bosco delle Casermette, con i pantaloni abbassati fino ai piedi, una maniera utilizzata per rendere più difficile la fuga del "nemico". Forse i pm, nel corso dell'interrogatorio, avrebbero chiesto a Salvatore Parolisi se effettivamente tale "modus operandi" rientra o meno nell'addestramento dei militari, ma l'uomo pare che per adesso non voglia più fornire spiegazioni.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: