le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Melania Rea: Salvatore Parolisi indagato, ma a piede libero

Salvatore Parolisi, marito di Carmela Melania Rea, è stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio volontario, anche se a piede libero, il che farebbe pensare ad un atto dovuto della procura per non incorrere, nel prosieguo delle indagini, ad errori procedurali.

Salvatore Parolisi, marito di Carmela Melania Rea, non sarà più ascoltato come "persona informata dei fatti". Da qualche ora è trapelata la notizia, confermata dal procuratore della Repubblica di Ascoli Piceno Michele Renzo, che il caporalmaggiore è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio volontario di Melania Rea, anche se Salvatore al momento rimane a piede libero. L'avviso di garanzia è stato notificato a Salvatore Parolisi a Frattamaggiore, in provincia di Napoli e paese d'origine dell'uomo, perché è lì che sta trascorrendo la licenza avuta in seguito al delitto della moglie, scomparsa da testimonianza del caporalmaggiore il 18 aprile a Colle San Marco e ritrovata due giorni dopo a pochi chilometri di distanza, nel bosco di Ripe di Civitella. La mamma di Parolisi spiega che questa è "una brutta notizia" ma che continua a credere nell'innocenza del figlio. Nessuna indiscrezione è comunque finora trapelata sul perché la procura abbia infine deciso di indagare Parolisi per l'omicidio di Melania Rea, e anche i legali dell'uomo (Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, gli stessi della famiglia di Sarah Scazzi) sottolineano che finché non avranno "in mano alcun atto ufficiale" non potranno esprimersi su questa che pare essere però una svolta nelle indagini. Anche se gli avvocati di Salvatore Parolisi ci tengono a sottolineare che nell'emettere l'avviso di garanzia non sono state prese misure cautelari nei confronti dell'uomo, il che farebbe pensare che probabilmente quello della procura sia un atto dovuto per non incorrere, nel prosieguo delle indagini, ad errori procedurali. Ma anche per permettere alla difesa di nominare periti di parte. Cosa che pare farà la famiglia di Melania Rea, che si è costituita parte civile e che nei prossimi giorni nominerà, appunto, un medico di parte. I genitori, così come il fratello, di Melania Rea hanno sempre voluto pensare a Salvatore Parolisi come estraneo all'intera vicenda, ma dopo l'iscrizione nel registro degli indagati sembra che comincino a nutrire i primi dubbi. "A questo punto non so più niente" spiega il papa di Melania interpellato dai giornalisti. Salvatore Paroli, invece, sembra continuare ad essere "tranquillo", riferiscono i suoi legali, sottolineando come per l'uomo sia cambiato ben poco visto che sarebbe "sotto i riflettori del linciaggio mediatico da più di un mese". I sospetti caduti su Salvatore Parolisi sembrano dovuti soprattutto rispetto ad alcune sue dichiarazioni che in passato sono apparse lacunose, e forse contraddittorie, e la sua posizione probabilmente si è cominciata ad aggravare dopo la scoperta dei tradimenti dell'uomo, che ha intrecciato con alcune soldatesse che aveva il compito di addestrare storie extraconiugali, l'ultima delle quali durata circa 2 anni. Salvatore Parolisi si è però sempre professato innocente, sottolineando come "il tradimento non sia un reato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: