le notizie che fanno testo, dal 2010

Melania Rea: testimonianze contradditorie. E il giallo del movente

L'omicidio di Carmela Melania Rea pare essere in "stallo". Forse ancora dei dubbi in merito al racconto fornito da Salvatore Parolisi, e vi sarebbero testimonianze contrastanti. E rimane da capire il movente dell'omicidio.

Mentre il giallo di Sarah Scazzi sembra essere ad un svolta (anche se gli interrogativi rimangono tanti), l'omicidio di Carmela Melania Rea pare essere in "stallo". Il marito della donna afferma a Quarto Grado, su Rete 4, che non avrebbe "mai fatto del male" alla moglie, e si augura che venga fatta presto "giustizia". Ma finora non sembrano esserci elementi solidi né sul movente del delitto di Melania Rea e nemmeno sulla dinamica dell'omicidio. Rimane infatti ancora da accertare con precisione se Melania Rea sia stata veramente il 18 aprile a Colle San Marco, come afferma il marito. Un testimone, che però a quanto pare sembra inaffidabile, dice di aver visto Melania Rea litigare sul pianoro con marito, e allontanarsi con due donne e un uomo con i capelli brizzolati in auto. Ma gli inquirenti non sembrano dare troppo peso alla sua testimonianza, anche perché l'uomo già in passato era salito agli onori delle cronache per aver detto di aver mentito su una vincita al Superenalotto. Ma come riporta anche il Tgcom, ci sarebbero altri testimoni che sarebbero stati presenti quel 18 aprile sul luogo dove Salvatore Parolisi dice che Melania Rea è scomparsa, subito dopo essersi allontanata per andare in bagno. Una giovane coppia si direbbe convinta di aver visto Salvatore Parolisi arrivare a Colle San Marco non prima delle 15.30, mentre lui sostiene di essere arrivato con la moglie intorno alle 14.30. Un'altra donna, invece, confermerebbe il racconto di Parolisi. Insomma, tanti ancora i dubbi sul delitto di Melania Rea, che forse potranno cominciare a dissiparsi solo quando si comincerà ad intravedere il movente di un omicidio così efferato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: