le notizie che fanno testo, dal 2010

Melania Rea: marito doveva lasciarla il giorno dell'omicidio

Dopo le confessioni della soldatessa amante da due anni del marito di Carmela Melania Rea, gli investigatori hanno deciso di riconvocare Salvatore Parolisi per una audizione. Finora l'uomo non è indagato, ma solo persona informata sui fatti.

Dopo le confessioni dell'amante di Salvatore Parolisi, una soldatessa ora di stanza a Lecce, gli investigatori che indagano sul caso di Carmela Melania Rea hanno deciso di riconvocarlo per una audizione. Finora il marito di Melania non è indagato, e quindi probabilmente verrà ascoltato solo come persona informata sui fatti. Sarà Salvatore Parolisi a decidere se avvalersi o meno dell'assistenza di un legale durante l'audizione, che servirà per cercare di chiarire alcuni punti oscuri in merito non solo alla scomparsa di Melania Rea ma anche riguardo questa storia d'amore che finora non aveva reso nota, almeno non come l'ha raccontata la soldatessa. Molto probabilmente, infatti, gli investigatori vorranno da una parte ricostruire quella giornata del 18 aprile quando, improvvisamente, la 29enne Melania scompare da Colle San Marco, mentre stava passando un pomeriggio con il marito e la figlia piccola. Sembra di capire che tra i dubbi degli inquirenti ci sia per esempio il fatto che Salvatore Parolisi abbia lanciato l'allarme solo una cinquantina di minuti dopo l'allontanamento della donna, che doveva andare in bagno in un bar ma che non sarebbe stata vista da nessuno. Dall'altra parte l'interrogatorio del caporalmaggiore verterà principalmente sul fatto che avrebbe mentito riguardo la relazione con la soldatessa. Salvatore Parolisi avrebbe nei giorni scorsi, infatti, affermato di una "scappatella extraconiugale", ma di nessuna importanza e soprattutto finita da tempo. Stando alla soldatessa, invece, questa relazione durerebbe da circa due anni, Melania Rea lo sapeva tanto da chiamare l'amante del marito un paio di volte, e soprattutto sarebbe "importante, forte e impetuosa", tanto che i due amanti si sarebbero sentiti anche il giorno prima della scomparsa della giovane mamma, il 17 aprile. Durante quella telefonata, inoltre, Salvatore Parolisi avrebbe promesso alla soldatessa che il giorno dopo avrebbe finalmente lasciato la moglie. "A Melania - avrebbe raccontato la soldatessa - Salvatore non avrebbe dovuto dire che si separava per un'altra donna, ma solo che era meglio chiudere perché non andavano più d'accordo: non voleva farla soffrire...". Ma il 18 aprile Melania Rea scompare, e poi viene ritrovata uccisa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# amore# Lecce# Melania Rea# Salvatore Parolisi# vista