le notizie che fanno testo, dal 2010

Carmela Rea: il mistero della SIM segreta e della telefonata anonima

Sul corpo di Carmela Rea sarebbe stata trovata anche una SIM "segreta", che potrebbe portare a scoprire gli ultimi spostamenti della donna prima della su scomparsa. I carabinieri, inoltre, stanno cercando di individuare l'uomo che ha chiamato in forma anonima per avvisare del ritrovamento del cadavere.

L'autopsia sul corpo di Carmela Rea rivela che sulla giovane mamma, trovata uccisa a Ripe di Civitella, nel teramano, sarebbero state inferte dal suo assassino ben 35 coltellate, tanto che probabilmente la morte sarebbe sopraggiunta per dissanguamento. Un particolare questo importante per le indagini, visto che sul luogo del ritrovamento del cadavere non ci sarebbero tracce ematiche della donna, il che farebbe supporre che l'omicidio potrebbe essere avvenuto in un altro luogo, e solo in seguito abbandonata nel Bosco delle Casermette. L'ora della morte dovrebbe risalire alla notte della scomparsa, lunedì 18 aprile, anche se il medico legale avverte che per stabilire l'ora precisa bisognerà attendere il risultato di ulteriori esami. L'arma del delitto, invece, dovrebbe essere un coltello a serramanico, e a quanto pare non vi sarebbe stata violenza sessuale, il che potrebbe far ipotizzare ad un raptus omicida. Un fatto, questo, però tutto ancora da stabilire, visto che sul corpo della donna è stata anche ritrovata una siringa, con ancora all'interno del liquido, forse un narcotizzante. Se ciò fosse confermato, l'ipotesi del delitto non premeditato potrebbe perdere forza, visto che tale particolare potrebbe indicare un delitto pensato e studiato. E mentre i carabinieri stanno cercando di risalire all'uomo che mercoledì 20, nel primo pomeriggio, ha chiamato in forma anonima per avvisare che nel Bosco delle Casermette c'era un cadavere, gli investigatori cominciano ad esaminare i tabulati telefonici del cellulare di Carmela Rea, e in particolare il traffico registrato da quella che dovrebbe essere una SIM "segreta" della donna. Tale SIM sarebbe stata trovata addosso a Carmela Rea, e le autorità sperano da questa di poter ricostruire gli ultimi spostamenti della donna, oltre alle chiamate ricevute ed effettuate.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: