le notizie che fanno testo, dal 2010

Vieni via con me: l'elenco del "grandissimo" Carlo Fruttero

Carlo Fruttero ha ancora la penna appuntita e scrive un elenco sui vantaggi della vecchiaia che lo scrittore elenca con scanzonata ironia. L'elenco è stato letto da Zingaretti e Fazio che rispettano, anche non volendo, i luoghi non comuni appuntati dal "grandissimo".

Carlo Fruttero, classe 1926 è un vecchio (lo diciamo con lo stesso rispetto e normalità con cui diremmo "è un giovane"). E' un vecchio saggio, arguto e capace ancora di scrivere col sorriso e con penna felice, come quando lo si leggeva, (anche insieme a Lucentini) come direttore e curatore della memorabile collana di fantascienza Urania Mondadori.
Ed ecco tornare Fruttero in prima serata con un "elenco" nella terza puntata di "Vieni via con me" dalle due superstar catodiche Fazio e Saviano che, non a caso, come previsto in moltissimi libri di fantascienza sociologica, utilizzano la televisione in modo da avere delle ricadute "sociali" nel Paese.
L'elenco a cui si dedica Fruttero è letto da Zingaretti (che ha letto anche quello di Andrea Camilleri) e Fazio ed è intitolato "Elenco dei vantaggi della vecchiaia".
Tra i punti memorabili (erano otto) il terzo: "Il piacere di essere coinvolto anche televisivamente in ogni mutamento climatico. Ondata di caldo: non mancano mai di metterti tra i cittadini 'a rischio'. Ondata di freddo: stessa identica cosa. Sei qualcuno, finalmente!"; il quarto: "Un vecchio può continuare a fumare tranquillamente. Ormai tutti i suoi terapeuti concordano nel dire che smettere sarebbe peggio"; il sesto "Avere il diritto inalienabile di ignorare che cosa sia la 'banda larga'; e l'ultimo, pieno di ironia e privo di alcuna amarezza: "E infine… Passati gli ottant'anni nessuno osa più scrivere di te 'il vecchio Fruttero', ancor meno 'l'anziano Fruttero'. Così si passa a un sinonimo lusinghiero: 'il grande Fruttero'. Per far capire che è solo un modo di dire, si può ricorrere a un superlativo: il 'grandissimo' Fruttero, che qui saluta e lascia la scena col suo più bel sorriso". E infatti Fabio Fazio, forse non capendo, lo saluta con l'appellativo di "sublime".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: