le notizie che fanno testo, dal 2010

Morto Carlo Azeglio Ciampi: ci fece entrare nell'euro. Salvini: ha svenduto l'Italia

E' morto all'età di 95 anni il Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, per complicanze di una peritonite. Carlo Azeglio Ciampi verrà in particolare ricordato come la figura fondamentale per l'adozione dell'euro da parte dell'Italia. Matteo Salvini non dimentica quindi che Ciampi fu tra quelli che hanno "svenduto il futuro dell'Italia".

Il Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi è morto oggi, pochi minuti prima di mezzogiorno, nella clinica Pio XI di Roma dove era ricoverato da diversi giorni, come riferito dal consigliere Domenico Marchetta. L'ex capo dello Stato aveva 95 anni.

Le condizioni di salute di Ciampi si erano cominciate ad aggravare dopo la crisi avuta tra il 28 e il 29 agosto scorso, mentre era in villeggiatura in montagna, in seguito ad una complicanza addominale, una peritonite con una infezione generalizzata. Nei giorni successivi, Carlo Azeglio Ciampi non si è più ripreso, a causa delle insufficienze di vari organi.

La camera ardente sarà allestita sabato 17 settembre in Senato. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha già annunciato che parteciperà, lunedì 19 settembre, ai funerali che si svolgeranno in forma privata a Roma.

Carlo Azeglio Ciampi, dopo aver assunto il ruolo di segretario generale prima e direttore generale poi, fu chiamato a governare la Banca d'Italia dal 1979 al 1993. Successivamente, Ciampi venne nominato Presidente del Consiglio (dal 1993 al 1994, presiedendo un governo chiamato a svolgere un compito di transizione, dopo il crollo della Prima Repubblica).

Ciampi torno al governo in qualità di ministro del Tesoro e del Bilancio e della programmazione economica (1996 - 1997 e ancora 1998 - 1999, rispettivamente nei governi Prodi I e D'Alema I). Il 13 maggio del 1999 venne eletto alla prima votazione con 707 voti su 1010 il decimo Presidente della Repubblica. Ciampi è stato il terzo inquilino del Quirinale a essere eletto al primo scrutinio dopo Enrico De Nicola e Francesco Cossiga.

Carlo Azeglio Ciampi verrà in particolare ricordato come la figura fondamentale per l'adozione dell'euro da parte dell'Italia. Mentre ricoprì la carica di ministro del Tesoro, infatti, l'opera di Ciampi fu caratterizzata dalla riduzione del debito pubblico italiano in vista degli obblighi imposti dal Trattato di Maastricht, per garantire appunto l'accesso dell'Italia alla moneta unica europea.

Ed infatti il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, dopo aver espresso "un umano cordoglio e un pensiero alla famiglia" non dimentica però che Ciampi "fu uno dei tanti (da Napolitano a Scalfaro, da Prodi a Monti) a svendere il lavoro, la moneta, i confini e il futuro dell'Italia" come scrive il leader della Lega Nord su Facebook.

Aspre le polemiche in merito al commento del leghista, tanto che Luigi Zanda, capogruppo del PD al Senato, annuncia che presenterà "un esposto alla Procura della Repubblica perché valuti tutti i possibili riflessi penali delle affermazioni di Matteo Salvini nei confronti di Carlo Azeglio Ciampi, Giorgio Napolitano, Romano Prodi e Mario Monti".
Salvini non si scompone e replica: "Non vedo l'ora di essere chiamato da un Tribunale a spiegare perché, numeri alla mano, certi sinistri signori hanno fatto il male dell'Italia".

© riproduzione riservata | online: | update: 16/09/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Morto Carlo Azeglio Ciampi: ci fece entrare nell'euro. Salvini: ha svenduto l'Italia
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI