le notizie che fanno testo, dal 2010

Varcaturo: sequestrato e seviziato in casa, fermati due pregiudicati

"Minacciato con una pistola e poi picchiato, seviziato con una roncola e costretto a stare seduto per ore legato a una sedia, legato mani e piedi e imbavagliato con nastro adesivo da imballaggio, impossibilitato a far qualsiasi movimento o reazione". Era successo l'8 giugno ad un 56enne di Varcaturo, nel napoletano. I Carabinieri hanno fermato due pregiudicati.

L'Arma riferisce attraverso quest'ultimo comunicato: "Minacciato con una pistola e poi picchiato, seviziato con una roncola e costretto a stare seduto per ore legato a una sedia, legato mani e piedi e imbavagliato con nastro adesivo da imballaggio, impossibilitato a far qualsiasi movimento o reazione, perfino a parlare, tant'è che nei confronti dei presunti autori della rapina con sequestro di persona individuati dai carabinieri, i pubblici ministeri della DDA partenopea hanno ipotizzato l'aggravante dell'aver agito con sevizie e crudeltà."
"È la disavventura di un 56enne che abita in una casetta situata nelle campagne di Varcaturo - seguita dunque la Benemerita -, nel napoletano, aggredito la sera dell'8 giugno da 2 malfattori che erano alla caccia delle sue armi e dei suoi averi, ma che non sapevano che i 6 fucili e la pistola non erano più da qualche tempo nella disponibilità della loro vittima. Tanto da torturare l'uomo fino allo stremo per ottenere le indicazioni sul nascondiglio delle armi. Riuscito a liberarsi dopo alcune ore il malcapitato ha telefonato al 112 chiedendo aiuto, riuscendo a malapena a dare le indicazioni necessarie per raggiungerlo, prestargli aiuto e avviare le prime indagini."
"A partire dall'intervento sul posto i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Napoli hanno identificato e poi sottoposto a fermo del pm emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia 2 persone: Si tratta di un 40enne - continuano al termine i militi -, residente a Marano di Napoli già noto alle forze dell'ordine e ritenuto contiguo a un noto clan camorristico nonché il suo complice, di 55 anni, residente a Napoli, che ha operato da basista sebbene fosse ai domiciliari. All'atto dell'arresto a casa del 40enne, nascosta in una dispensa, i militari hanno trovato una pistola risultata oggetto di furto commesso nel napoletano lo scorso due giugno. I militari sono riusciti a ricostruire i ruoli di entrambi gli indagati e a rinvenire e sequestrare alcuni degli strumenti di tortura usati dai malfattori."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: