le notizie che fanno testo, dal 2010

Trento: rubano in casa mentre proprietari pranzano, arrestatedue donne

"Due donne di etnia nomade residenti in Trento, nella tarda mattinata di sabato, sono state tratte in arresto in flagranza del reato di furto in appartamento dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cles", viene pubblicato in un comunicato dalla Benemerita.

"Due donne di etnia nomade residenti a Trento, nella tarda mattinata di sabato, sono state tratte in arresto in flagranza del reato di furto in appartamento dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cles. - illustra in una nota l'Arma - Le predette si erano furtivamente introdotte in un'abitazione di Dimaro e, con destrezza, avevano sfilato dalla borsa di una studentessa il portafoglio contenente documenti d'identità e bancari e 100 euro in banconote."
"Al fermo delle predette si è giunti al termine di un lungo servizio di osservazione e pedinamento attuato dal personale dell'Aliquota Operativa. Predetti militari si erano messi alle calcagna delle sospette verso le 10 del mattino - informa inoltre la Benemerita -, recependo una segnalazione dei colleghi della Stazione di Revò, i quali le avevano intercettate in quel centro abitato a bordo di un camper, controllate e ritenute sospette in ragione dei molteplici precedenti penali emersi a loro carico dalla interrogazione della banca dati in uso alle forze di polizia. Il curriculum delinquenziale delle nomadi aveva portato gli operanti a richiedere il supporto di una pattuglia in abiti civili che potesse valutare, con la necessaria accortezza, la presunta pericolosità delle donne ovvero verificare, i loro successivi spostamenti. Intuizione che, poi, come detto, si è rivelata credibile ed ha determinato l'arresto di entrambe."
I militi specificano quindi: "Il sospetto che le nomadi, come si suol dire, non la raccontassero proprio tutta, è divenuto più forte quando il loro camper anziché dirigersi verso Trento (avevano raccontato di aver sbagliato strada e di essere dirette a casa, chiedendo peraltro lumi circa la corretta strada da percorrere per raggiungere il capoluogo di provincia) ha preso la strada della Val di Sole e, più volte, come ad individuare agevoli 'obiettivi', ha percorso a bassa velocità i piccoli borghi che sorgono lungo la SS42 del Tonale e della Mendola prima di fermarsi, intorno all'ora di pranzo, in Dimaro."
"Qui le seguite si sono mosse a piedi per le viuzze del centro fino a quando, furtivamente, si sono introdotte in un'abitazione la cui porta era stata sbadatamente (o per consuetudine, come talvolta, purtroppo, ancora accade) rimasta aperta. Qui, con destrezza, senza cioè essere notate dai presenti, che erano seduti a tavola a consumare il pasto, hanno sfilato da una borsa lasciata all'ingresso un portafoglio. Tutto è successo sotto gli occhi dei Carabinieri della Compagnia di Cles, che le hanno bloccate non appena uscite dall'immobile. Le donne non hanno potuto che ammettere le proprie responsabilità e consegnare il maltolto. Curioso particolare: si sono definite delle 'professioniste', ammettendo di vivere proprio di questo, 'senza fare del male a nessuno'. La vittima del reato si è accorta del furto solo quando i militari hanno bussato alla porta di casa per la riconsegna del portafoglio. Le ladre saranno giudicate con rito direttissimo presso il Tribunale di Trento" si seguita in ultimo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: