le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma: armato di martello entra in chiesa dei padri Gesuiti, fermato

Fermato un uomo armato di martello che era entrato nella chiesa dei padri Gesuiti in piazza S. Ignazio a Roma.

"Tensione ieri pomeriggio in piazza S. Ignazio a Roma. Per un attimo si è temuto il peggio quando un Carabiniere - spiegano in una nota dall'Arma -, in servizio presso il Comando Tutela Patrimonio Culturale, ha notato un uomo che, in stato confusionale, era entrato nella chiesa dei padri Gesuiti, brandendo un martello tra le mani. La mente del militare è subito andata a quello che era successo a fine settembre nelle chiese di San Martino ai Monti, Santa Prassede, San Vitale e San Giovanni in piazza dell'Oro e non ultimo all'elefantino di piazza della Minerva e ha dato subito l'allarme."

"Prima che potesse compiere qualsiasi danno, l'uomo è stato raggiunto, nei pressi dell'altare, da due Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale; vistosi scoperto si è dato alla fuga ma è stato bloccato poco dopo su via del Corso, grazie anche al pronto intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma inviati dalla centrale operativa del Comando Provinciale che lo hanno identificato e condotto in caserma. Il martello che aveva con sé, una mazzetta da muratore, è stata sequestrata e l'uomo, 52enne romano, che già in passato era stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere, è stato denunciato a piede libero per porto abusivo di arma bianca" riferisce in conclusione la Benemerita.

© riproduzione riservata | online: | update: 25/11/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
Carabinieri Monti Roma via del Corso
social foto
Roma: armato di martello entra in chiesa dei padri Gesuiti, fermato
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI