le notizie che fanno testo, dal 2010

Marina di Ginosa: spiana duna in sito SIC per farci campo da beach volley

"I Carabinieri della Stazione di Marina di Ginosa (Taranto) congiuntamente a personale della locale Stazione del Corpo Forestale, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e contrasto dei reati in materia ambientale, hanno sottoposto a sequestro un'area dunale, dell'estensione di circa 400 mq e denunciato in stato di libertà un 43enne di Castellaneta, concessionario di uno stabilimento balneare", riferisce in un comunicato la Benemerita.

"I Carabinieri della Stazione di Marina di Ginosa (Taranto) congiuntamente a personale della locale Stazione del Corpo Forestale - si illustra in una nota dall'Arma -, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e contrasto dei reati in materia ambientale, hanno sottoposto a sequestro un'area dunale, dell'estensione di circa 400 mq e denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica del capoluogo jonico, un 43enne di Castellaneta, concessionario di uno stabilimento balneare in Marina di Ginosa."

"I militari ed i forestali intervenuti hanno accertato la realizzazione, senza alcun titolo autorizzatorio, di lavori di spianamento in area sottoposta a vincolo paesaggistico nonché Sito di Interesse Comunitario (SIC 'pinete dell'arco jonico'), di fondamentale importanza ambientale anche per la funzione di contrasto del fenomeno della desertificazione. - si spiega - Nello specifico, i suddetti acquisivano la notizia che in agro di quel Comune, presso un lido, erano stati realizzati lavori di spianamento di una porzione di arenile, adiacente ad uno stabilimento balneare, che veniva persino recintata al fine di realizzare un campo da beach volley."

"Esperiti i dovuti accertamenti, gli operanti, dopo essersi recati sul posto hanno accertato la veridicità della notizia appurando che conformazione ed ubicazione dell'intervento, eseguito su un'area del Demanio Marittimo, poteva essere suscettibile di funzionalità unicamente al lido gestito dal 43enne. Tale bene appartiene allo Stato ed è destinato, per natura o per legge, al soddisfacimento di una funzione pubblica e per tali motivi i lavori eseguiti sull'area si configurano non solo come non autorizzati dalla normativa vigente in campo paesaggistico e ambientale ma realizzati senza alcuna finalità per il pubblico interesse. All'esito dell'attività l'area in questione veniva sottoposta a sequestro" chiariscono in conclusione i Carabinieri.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: