le notizie che fanno testo, dal 2010

Andria (BT): scoperto deposito di parti di auto rubate, 2 arresti e una denuncia

"Un 'magazzino' di centraline elettroniche e di parti meccaniche è stato scoperto l'altra sera ad Andria, nell'ambito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto dei furti di autovetture organizzato dai Carabinieri della Compagnia di Andria, che hanno tratto in arresto un pregiudicato 42enne del luogo, con le accuse di ricettazione, riciclaggio e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso", mettono al corrente in una nota i militi.

"Un 'magazzino' di centraline elettroniche e di parti meccaniche è stato scoperto l'altra sera ad Andria, nell'ambito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto dei furti di autovetture organizzato dai Carabinieri della Compagnia di Andria, che hanno tratto in arresto un pregiudicato 42enne del luogo, con le accuse di ricettazione, riciclaggio e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso" rendono pubblico in un comunicato dall'Arma.
"I militari - chiarisce di seguito la Benemerita -, notato un casolare in stato di abbandono in contrada Punta Lavigna, hanno deciso di ispezionarlo, anche perché al loro arrivo, un individuo, poi riconosciuto in un sorvegliato speciale 34enne del luogo, si era dato a precipitosa fuga a bordo di un'Audi sw, nonostante l'alt intimatogli. Nel casolare gli operanti hanno trovato il 42enne che stava armeggiando con una delle parti meccaniche di autovetture e, in una stanza attigua, sono state rinvenute 61 centraline elettroniche, verosimilmente appartenenti ad autovetture di svariate marche, rubate, nonché numerosi attrezzi da scasso, il tutto sottoposto a sequestro. L'uomo è stato quindi tratto in arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sottoposto agli arresti domiciliari. Nel frattempo, le pressanti ricerche diramate sul conto del sorvegliato speciale dileguatosi hanno permesso di rintracciarlo e trarlo in arresto più tardi. L'uomo dovrà rispondere di violazione degli obblighi imposti, atteso che nonostante l'alt intimato dagli operanti all'arrivo presso il casolare, si è dato alla fuga ponendosi alla guida di un'autovettura, sebbene non avesse la patente, revocatagli per effetto della sorveglianza speciale a cui era sottoposto. Per lui l'Autorità Giudiziaria di Trani ha disposto il trasferimento nel carcere locale."
"Nell'ambito dello stesso servizio, in contrada Pandolfelli, i militari dell'Aliquota Radiomobile hanno deferito in stato di libertà alla Procura per i Minorenni di Bari, per ricettazione, un 17enne del luogo, sorpreso mentre si accingeva a prelevare, nascosta tra la vegetazione, un'Alfa 147 risultata provento di un furto perpetrato la scorsa settimana a Trani. Il veicolo è stato poi restituito al legittimo proprietario" pubblicano in conclusione i militi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: