le notizie che fanno testo, dal 2010

Calisto Tanzi, crac Parmalat, in carcere: "sono sorpreso"

Calisto Tanzi, patron della Parmalat, è stato trasferito in carcere dopo la sentenza della Cassazione in merito al procedimento di aggiotaggio, che gli ha ridotto la pena da 10 a 8 anni e un mese. "Sono sorpreso", avrebbe detto Tanzi, aspettandosi i domiciliari.

Solo due giorni fa, il 4 maggio, la Cassazione aveva emesso l'ultima sentenza in merito ad un filone del Crac Parmalat, riducendo la pena di Calisto Tanzi, accusato di aggiotaggio, da 10 a 8 anni e un mese. Per il reato di bancarotta Calisto Tanzi è stato condannato, invece, a 18 anni in primo grado a Parma. A causa dell'indulto del 2006 e della sottrazione di alcuni mesi già scontati in carcere quando fu arrestato, il patron della Parmalat alla fine vedrà questa pena ulteriormente ridotta, probabilmente a 4 anni e qualche mese. Calisto Tanzi ha ormai 72 anni, e quindi in molti si aspettavano che i giudici decidessero per una pena ai domiciliari. Ieri però, inaspettatamente, il sostituto procuratore generale di Milano Carmen Manfredda ha invece deciso di ordinare la carcerazione per l'ex patron del gruppo di Collecchio. "Sono sorpreso, non mi aspettavo che mi mandassero in carcere, pensavo accogliessero la sospensiva" avrebbe detto Calisto Tanzi al momento dell'arresto da parte dei militari della Guardia di Finanza. Oggi, comunque, i difensori del patron della Parmalat presenteranno l'istanza di concessione di arresti domiciliari, motivata non solo per l'età dell'imputato ma anche per il suo stato di salute precario. Nei prossimi giorni, la decisione. Per ora Calisto Tanzi è in carcere a Parma.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: