le notizie che fanno testo, dal 2010

Rio 2016, assegnati premi Fondazione Agnelli: tutti devoluti in beneficenza

Assegnati a Daniele Garozzo, Elia Viviani e l'Italvolley i premi della Fondazione Agnelli, tutti poi devoluti in beneficenza.

"Daniele Garozzo, Elia Viviani e l'Italvolley. I lettori di Gazzetta.it hanno scelto le tre medaglie azzurre che più hanno emozionato e convinto ai Giochi Olimpici di Rio 2016. - illustra in una nota il Comitato olimpico nazionale italiano - E sul podio finiscono proprio l'oro nel fioretto individuale, l'oro nell'omnium e la Nazionale di Blengini, che ha chiuso seconda dietro al Brasile. Ma nell'iniziativa, promossa dalla Fondazione Giovanni Agnelli, in occasione del suo 50° anniversario, in collaborazione con il CONI e la Gazzetta dello Sport, a vincere è soprattutto la solidarietà."
Viene sottolineato dunque: "Tutti gli azzurri, infatti, hanno deciso di aiutare il prossimo con i premi messi a disposizione dalla Fondazione (le stesse cifre stanziate dal CONI per i medaglisti ), che ha già donato 150mila euro alle zone terremotate."

"Garozzo devolverà il premio di 150mila euro a Medici Senza Frontiere e all'associazione Tenda di Cristo che opera in Sicilia aiutando ragazze madri e bambini. Viviani, invece, si impegna a sostenere, con i 75mila euro vinti, le società ciclistiche giovanili della sua regione e il velodromo di Pescantina, nel veronese. L'Italvolley, tramite il capitano Emanuele Birarelli, fa sapere che donerà i 50mila euro alle popolazioni vittime del sisma. La stessa iniziativa, con gli stessi premi, si ripeterà con le Paralimpiadi (dal 7 al 18 settembre). Il monte premi totale erogato dalla Fondazione Agnelli ammonterà a 550.000 euro. li atleti vincitori, in cambio, si metteranno a disposizione per portare la loro testimonianza su impegno e valori dello sport nelle scuola" espone in ultimo il CONI.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: