le notizie che fanno testo, dal 2010

Ius soli: approvazione non può essere rimandata, dice CGIL

La CGIL chiede l'approvazione dello ius soli.

"L'approvazione della legge di riforma della cittadinanza è un atto di civiltà che non può essere ulteriormente rimandato", sostiene in una nota Giuseppe Massafra, segretario confederale della CGIL. "Dopo quasi due anni dal via libera della Camera e a cinque anni dalla consegna delle firme raccolte da 'L'Italia sono anch'io' per il riconoscimento dei diritti di cittadinanza ai migranti, non si può più aspettare. - prosegue il sindacalista in merito allo ius soli - Finalmente oggi la legge è arrivata in aula al Senato, e pur avendo carenze e criticità, deve essere approvata rapidamente per permettere a circa un milione di ragazzi e ragazze di origine straniera di vedersi riconosciuta la cittadinanza italiana".

"Non è pensabile - aggiunge - che prevalga quella parte di politica incapace di prendere decisioni perché viziata dalle pulsioni di chiusura, spesso xenofobe". Per il segretario confederale della CGIL quindi "lo ius soli, che in questo provvedimento è previsto in una versione limitata, è il primo passo per una vera integrazione e inclusione non solo dei giovani nati sul territorio italiano, ma anche delle loro famiglie". "I reali processi di integrazione - conclude - contribuirebbero a diminuire le paure e le diffidenze presenti nella società".

© riproduzione riservata | online: | update: 20/06/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Ius soli: approvazione non può essere rimandata, dice CGIL
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI