le notizie che fanno testo, dal 2010

Camusso: decreto Poletti precarizza. CGIL chiede "contratto unico"

Susanna Camusso, leader della CGIL, conferma le critiche al "decreto lavoro Poletti" perché "va nel verso dell'ulteriore precarizzazione" e chiede al governo di adottare invece "un contratto unico", a cui affiancare altre tre forme: "il contratto a termine causale, per stagionalità e sostituzioni, la somministrazione e l'apprendistato".

"Abbiamo espresso e confermiamo il nostro giudizio sul decreto lavoro Poletti: va nel verso dell’ulteriore precarizzazione e confermiamo che il disegno di legge delega è tutt’altro che chiaro. Pensiamo all’allargamento dei voucher, al non cancellare le troppe forme contrattuali esistenti" afferma Susanna Camusso nella relazione introduttiva al XVII Congresso nazionale della CGIL. La Camusso chiede invece al governo di lavorare "sulla semplificazione" e cioè attraverso "un contratto unico" che punti "alla mediazione giusta e positiva tra flessibilizzazione contrattata e certezze per i lavoratori". Contratto unico più volte promesso anche da Matteo Renzi durante la campagna elettorale per le primarie. "Discutiamo tempi e certezze antidiscriminatorie" insiste poi Susanna Camusso, aggiungendo: "Insieme al contratto unico, altre tre forme: il contratto a termine causale, per stagionalità e sostituzioni, la somministrazione e l’apprendistato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: