le notizie che fanno testo, dal 2010

Alcoa chiude, CGIL Sarda: governo e regione trovino acquirente per Portovesme

La CGIL Sarda commenta l'annuncio dell'Alcoa di voler chiudere definitivamente lo smelter di Portovesme, chiedendo un "impegno, alla Regione e al Governo, per trovare un acquirente interessato allo stabilimento"

Dopo l'annuncio della chiusura definitiva dell'impianto di Portovesme da parte del colosso americano, il segretario della CGIL Sarda Michele Carrus se la prende con l'Alcoa ricordando che "l'azienda va avanti con queste dichiarazioni da ormai 3 anni". All'Adnkronos, Carrus quindi precisa: "Quello che importa è che l'azienda confermi l'impegno a mantenere in efficienza gli impianti e facilitare la cessione ad altri ad operatori che possano rilevare e mantenere in funzione la struttura". Il sindacalista della CGIL sottolinea infatti che "la fabbrica di Portovesme produce alluminio primario, quindi con la sua chiusura l'Italia sarà costretta a importare non solo il prodotto finale, ma anche quello intermedio, per portare avanti tanta parte delle nostre attività manifatturiere". La CGIL Sardegna chiede quindi un "impegno, alla Regione e al Governo, per trovare un acquirente interessato allo stabilimento". All'orizzonte però non sembra esserci nessuno disposto a prendere il posto del'Alcoa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Alcoa# CGIL# finale# Italia# Sardegna