le notizie che fanno testo, dal 2010

CERN scopre particella Xi: per un maggiore potere predittivo sulla materia

Il CERN scopre la particella Xi, in sostanza il barione più pesante mai osservato. Per i ricercatori "aiuterà a migliorare il potere predittivo" delle teorie sulla forza che tiene insieme la materia.

Il CERN annuncia di aver scoperto la particella Xi, contenente due quark charm (quark di seconda generazione nonché quarto per massa tra tutti i quark) e da un quark up (di prima generazione). L'osservazione è avvenuta nel corso dell'esperimento LHCb dell'acceleratore LHC. Il CERN spiega che l'esistenza di questa particella della famiglia dei barioni (gruppo di particelle subatomiche composte costituite da tre quark) era finora solo teorizzata dalla fisica.
La particolarità della particella Xi è quella di avere una massa di circa 3621 elettronvolt, quindi quasi quattro volte più pesante del barione più conosciuto che è il protone. I barioni finora osservati avevano infatti al massimo un solo quark charm.

In una nota, Giovanni Passaleva, portavoce del LHCb, sottolinea: "La scoperta è di grande interesse perché fornirà uno strumento unico per approfondire la cromodinamica quantistica, teoria fisica che descrive l'interazione forte, una delle quattro forze fondamentali". Oltre a quella forte, le altre forze fondamentali sono quella gravitazionale, elettromagnetica e debole e tutte permettono di descrivere i fenomeni fisici a tutte le scale di distanza e di energia.

I barioni (come i protoni ed i neutroni) costituiscono la maggior parte della massa della materia visibile nell'universo. Passaleva sottolinea quindi che questa nuova particella "aiuterà a migliorare il potere predittivo delle nostre teorie", quelle che tentano di spiegare cosa tiene insieme la materia, nel caso si voglia escludere la presenza di Dio.

© riproduzione riservata | online: | update: 06/07/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
CERN scopre particella Xi: per un maggiore potere predittivo sulla materia
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI