le notizie che fanno testo, dal 2010

Attentato Bruxelles aeroporto e metropolitana: video esplosione un fake

Quattro giorni dopo l'arresto di Salah Abdeslam, il sospetto terrorista degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, la città Bruxelles è sotto attacco. Questa mattina ci sono state due esplosioni all'aeroporto internazionale di Bruxelles, mentre una terza esplosione è avvenuta poco dopo nella stazione della metro di Maelbeek, a due passi dal Parlamento europeo. Sarebbero almeno 13 le vittime e 35 i feriti. Sui social network circolano video fake delle esplosioni in aeroporto.

Quattro giorni dopo l'arresto di Salah Abdeslam, il sospetto terrorista degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, la città di Bruxelles è sotto attacco. Questa mattina ci sono state due esplosioni all'aeroporto internazionale di Bruxelles, mentre una terza esplosione è avvenuta poco dopo nella metropolitana della capitale belga, alla stazione di Maelbeek, nel quartiere delle istituzioni europee. La stazione di Maelbeek, infatti, si trova accanto alla sede del Parlamento europeo. La rete metropolitana del belgio è stata chiusa e sono interrotte le linee bus e tram. Ovviamente, anche l'aeroporto rimane chiuso, come conferma l'Eurocontrol.

Stando agli ultimi aggiornamenti, le tre esplosioni avrebbero provocato almeno 13 morti e 35 feriti. Secondo un testimone citato dalla radio pubblica francese RTBF, le esplosioni in aeroporto sono avvenute nei pressi del check in per un volo verso gli Stati Uniti. Il Belgio ha attivato un un numero di emergenza (+32 025.06.47.11) dedicato in particolare a chi è rimasto bloccato nelle zone dove sono avvenute le tre esplosioni. Anche l'aeroporto di Bruxelles ha istituito un numero di emergenza (02 753.73.00) per permettere ai familiari delle persone che si trovavano negli scali di avere maggiori informazioni.
Il Commissario europeo al bilancio Kristalina Georgieva, responsabile anche dei dipendenti e dei problemi di sicurezza dell'esecutivo UE, sul suo account Twitter ha invitato tutti i funzionari della Commissione europea a "rimanere a casa o all'interno dell'edificio. - assicurando - Le istituzioni dell'UE lavorano insieme per garantire la sicurezza dei dipendenti e degli edifici".

Secondo i primi testimoni, prima delle due esplosioni all'aeroporto si sarebbero uditi spari e urla in arabo, e si comincia a sospettare un attacco kamikaze. Dopo gli attacchi, il Belgio passa al livello 4 di allerta, quello massimo. Come spesso accade, i social network non sono molto affidabili quando si tratta di diffondere delle notizie. In queste ore stanno infatti circolando sui social (magari rilanciate anche dalle televisioni) false immagini delle esplosioni all'aeroporto di Bruxelles. Vengono presentate come immagini del circuito chiuso dell'aeroporto ma in realtà l'esplosione registrata è quella avvenuta a Mosca nel 2011.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: