le notizie che fanno testo, dal 2010

Esplosione maratona: a Boston disattivate linee cellulari, paura bombe a distanza

La polizia di Boston ha disattivato tutte le linee dei cellulari della città per evitare che l'attentatore possa far esplodere a distanza un'altra bomba, come probabilmente successo per le prime due, scoppite al traguardo della maratona. Inoltre, la polizia chiede di rimanere in casa. Sembra che ci sia stata una terza esplosione presso la biblioteca JFK di Boston.

Mentre gli ospedali di Boston contano oltre 100 feriti, e due morti, dopo che sono esplose due bombe al traguardo della maratona che si chiudeva alla Fairmount Copley Plaza Hotel, giungono le notizie del ritrovamento di altri "pacchi sospetti" e di almeno due bombe inesplose. Secondo il Boston Globe, inoltre, una terza esplosione sarebbe avvenuta nei pressi della biblioteca JFK di Boston, anche se la notizia non è ancora ufficiale, e questo sembra far ipotizzare che ci possano essere altri ordigni piazzati in giro per la città. Ed ecco perché la polizia ha disattivato tutte le linee dei cellulari nella città di Boston, per paura che l'attentatore possa azionare un'altra bomba a distanza, come probabilmente successo per le prime due. Inoltre, la polizia sta chiedendo a tutta la cittadinanza di rimanere in casa, mentre di evitare di viaggiare in gruppi troppo numerosi se si è fuori.

© riproduzione riservata | online: | update: 15/04/2013

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
Boston cellulari maratona ospedali
social foto
Esplosione maratona: a Boston disattivate linee cellulari, paura bombe a distanza
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI