le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: crisi è fatto psicologico. Ma spread sfiora 500 punti base

Silvio Berlusconi sembra convinto del fatto che "il fattore psicologico è una delle cause principali della crisi". Nonostante questo, lo spread è sempre più realisticamente alto , ed oggi sfiora i 500 punti base.

Qualcuno potrebbe cominciare a pensare che forse Mario Monti dovrebbe dimettersi, come ha fatto precedentemente il governo Berlusconi, visto che la sua venuta a Palazzo Chigi non sembra aver migliorato la crisi che si è abbattuta sull'Italia. Anzi.
Anche se Silvio Berlusconi, pronto per una nuova discesa in campo, spiega al Bild che "questa crisi è impregnata di una sorta di profezia che si auto-avvera" e che "il fattore psicologico è una delle cause principali della crisi", lo spread continua a salire sempre più realisticamente.
Oggi lo spread tra Btp e Bund tedeschi decennali vola infatti fino a 495 punti base, con il rendimento del decennale che sale al 6,12%.
Due giorni fa, inoltre, Moody's tagliava il rating dell'Italia portandolo a solo due gradini da quello "spazzatura" mentre l'FMI decreta che le stime del PIL per l'Italia avranno per il 2012 una contrazione dello 1,9%.
Il governo MOnti però si limita a spiegare che "al momento non c'è nessuna intenzione di ricorrere" al cosiddetto scudo anti-spread, anche se non si può "escluderlo a priori per il futuro".
E intanto l'Italia boccheggia. E non solo per il caldo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: