le notizie che fanno testo, dal 2010

Evo Morales "ricarica" le batterie (al litio) alla Bolivia

Dopo la nazionalizzazione degli idrocarburi (e in alcune zone anche dell'energia elettrica) il presidente della Bolivia Evo Morales inaugura un impianto pilota di produzione di carbonato di litio, materia prima per fabbricare batterie di smartphone e computer.

La Bolivia ricarica le sue batterie, ovviamente al litio. Il presidente Evo Morales ha infatti inaugurato un impianto pilota per la produzione di carbonato di litio che produrrà 40 tonnellate al mese del materiale per arrivare a poco meno di 500 tonnellate l'anno. Le batterie al litio sono la prima fonte di elettricità ricaricabile per i computer portatili e per i telefonini, e il giacimento boliviano di "Salar de Uyuni" rappresenta una delle maggiori riserve di litio al mondo. Un nuovo passo strategico quello di Evo Morales che, nel nel dipartimento di Potosí, dove si trova il giacimento sottolinea: "bisogna continuare a crescere, dal laboratorio siamo passati all'impianto pilota, ed adesso vogliamo la grande industria". Ma il presidente della Bolivia sottolinea il modus operandi distintivo dell'industria boliviana del terzo millennio: "La Bolivia possiede molte risorse naturali, un esempio di tutto questo sono gli investimenti di 19 milioni di dollari per costruire questo impianto, però tale risultato è stato possibile perché lo abbiamo realizzato con i nostri soldi". Il presidente ha ricordato come grazie alla nazionalizzazione degli idrocarburi oltre a questo impianto pilota per la produzione di carbonato di litio si è potuto riaprire lo stabilimento siderurgico di Karachipampa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: