le notizie che fanno testo, dal 2010

Mafia: Bernardo Provenzano è morto, aveva 83 anni

È morto Bernardo Provenzano, 83 anni, padrino di Cosa Nostra. A Provenzano, nonostante fosse da più di un anno sostanzialmente in stato vegetativo, non gli era stato revocato il regime del 41 bis. Bernardo Provenzano venne arrestato dopo una latitanza di ben 43 anni.

È morto Bernardo Provenzano, 83 anni, padrino di Cosa Nostra. Binnu u' Tratturi, come lo chiamavano nell'ambiente mafioso per la violenza con cui falciava le vite dei suoi nemici, era ricoverato al San Paolo di Milano, che ha stanze di massima sicurezza predisposte per chi è in regime di 41 bis. Il boss della mafia siciliana era malato da tempo, e da più di un anno era sostanzialmente in stato vegetativo. Proprio per questo spesso i legali di Provenzani hanno spesso polemizzato con la decisione di tenere il boss mafioso comunque in regime di carcere duro. Per il ministro della Giustizia Andrea Orlando, però, nonostante le sue condizioni di salute "non è venuta meno la capacità di Provenzano di mantenere contatti con esponenti tuttora liberi dell'organizzazione criminale di appartenenze, anche in ragione della sua particolare concreta pericolosità". Tutti i processi in cui Provenzano era ancora imputato, tra qui quello sulla presunta trattativa Stato-mafia, sono stati invece sospesi perché il boss fu ritenuto incapace di partecipare.
Bernardo Provenzano venne arrestato dopo una latitanza di ben 43 anni, l'11 aprile del 2006, in una masseria di Corleone, a poca distanza dall'abitazione dei suoi familiari e all'interno di un casolare di un pastore che produceva formaggi.

© riproduzione riservata | online: | update: 13/07/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Mafia: Bernardo Provenzano è morto, aveva 83 anni
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI