le notizie che fanno testo, dal 2010

Di Maio non ha lavoro regolare? Così Severgnini offende una generazione

Beppe Severgnini umilia il leader del MoVimento 5 Stelle Luigi Di Maio sottolineando sul New York Times che "non ha mai completato gli studi e avuto un lavoro regolare". Ma così offende una intera generazione, quella dei Millennials.

Beppe Severgnini in un fondo pubblicato sul New York Times attacca il MoVimento 5 Stelle ed in particolare il loro candidato premier Luigi Di Maio, che per il direttore del settimanale Sette del Corriere della Sera non sarebbe degno di governare l'Italia in quanto "non ha mai completato gli studi e avuto un lavoro regolare".
Forse Beppe Severgnini dimentica che Luigi Di Maio ha 31 anni e fa parte dei cosiddetti Millennials i quali, lo dicono le statistiche, sono più poveri dei loro genitori, non andranno in pensione (se esisterà ancora) prima dei 70 anni e sono condannati a lavori precari (quando riescono a trovarne uno), anche se cercano di sopravvivere (per crearsi prima o poi una famiglia) mettendosi in proprio. Tutto questo non certo a causa della loro scarsa volontà.
Ed infatti Luigi Di Maio è riuscito nell'impresa di essere il più giovane vicepresidente della Camera dei deputati (nel 2013 aveva 27 anni) e diventare leader dell'attuale più grande partito politico in Italia.
Ecco perché sottolineando che Luigi Di Maio non sarebbe degno di fare il Presidente del Consiglio perché non ha mai avuto "un vero e proprio lavoro" Beppe Severgnini non offende solo il pentastellato ma una intera generazione, che ancora una volta ringrazia l'eredità dei baby boomers di cui il giornalista è un illustre e appagato rappresentante.

© riproduzione riservata | online: | update: 16/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Di Maio non ha lavoro regolare? Così Severgnini offende una generazione
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI