le notizie che fanno testo, dal 2010

Gianroberto Casaleggio: Beppe Grillo "per me è come un fratello"

Gianroberto Casaleggio, della Casaleggio Associati, rivela: il blog, il MoVimento 5 Stelle, il V-Day è stato tutto organizzato da me e dal "fratello" Beppe Grillo.

Gianroberto Casaleggio esce allo scoperto, per rispondere a tutte quelle persone che nutrono dei dubbi (anche seri) sulla trasparenza del rapporto che corre tra Beppe Grillo, il suo blog (o meglio magazine), il MoVimento 5 Stelle e la Casaleggio Associati.
Ma Gianroberto Casaleggio non lo fa intervenendo direttamente sul blog di Beppe Grillo, di cui è co-fondatore e sostenitore, ma scrive una lettera che viene pubblicata sul Corriere della Sera del 30 maggio 2012.
E a questo punto qualcuno si sarà domandato il perché di tale "strategia", visto che spesso Beppe Grillo (e la Casaleggio Associati?) non manca di criticare apertamente giornalisti e giornali, i primi che sarebbero destinati ad estinguersi come i Dodo e i secondi rei di ottenere finanziamenti pubblici, come il Corriere della Sera.
Qualcun'altro invece, si sarà ricordato di una lettera al direttore Ferruccio de Bortoli spedita il 25 maggio scorso dal Cdr (Comitato di redazione) del Corriere della Sera , dove tra le altre cose veniva denunciato un "continuo annacquamento dell'identità del giornale, trasformandolo, senza neppure avvertire i lettori, da 'libro' a una sorta di antologia di autori vari. Antologia alla quale partecipano sempre più spesso anche componenti dello staff di importanti personaggi pubblici; oppure politici in prima persona, con articoli presentati sotto forma di lettera che sanciscono la rinuncia all'intermediazione giornalistica: fatta di contraddittorio, cronaca e diritto di critica e fondamentale per una stampa libera".
Chissà quindi se anche la "lettera" di Gianroberto Casaleggio al Corriere della Sera fa parte di quegli articoli presentati sotto altra forma.
In questa "missiva", comunque, Gianroberto Casaleggio conferma quello che in molti già sospettavano, e cioè che il blog, i Meetup, il V-Day, il Woodstock a 5 Stelle è stato tutto progettato insieme al "fratello" Beppe Grillo, compreso naturalmente il MoVimento 5 Stelle, il "Non Statuto" e la "raccolta delle firme per l'iniziativa di legge popolare 'Parlamento Pulito' e le proposte referendarie sull'editoria con l'abolizione della legge Gasparri e dei finanziamenti pubblici", incontrando anche "più volte rappresentanti di liste che si candidavano alle elezioni amministrative".
Gianroberto Casaleggio precisa però che questo impegno civico viene portato avanti solamente grazie ai "suoi (pochi) mezzi" e naturalmente per "migliorare la società in cui vive".
Gianroberto Casaleggio non ha chiarito però se il "miglioramento" della società equivale all'ormai famosa visione della "politica del futuro" della Casaleggio Associati , dove "partiti, politica, ideologie, religioni scompaiono" in nome di "Gaia, un Nuovo Ordine Mondiale" che distruggerà "i simboli dell'Occidente" , e cioè "Piazza San Pietro, Notre-Dame de Reims, Sagrada Familia".
Anche per questo, la precisazione che il MoVimento 5 Stelle è nato sotto la "protezione" di San Francesco (Patrono d'Italia) e che il "Non Statuto" sia la "pietra angolare" del MoVimento ha fatto sorridere qualcuno e rabbrividire forse altri.
"Mi hanno attribuito dei legami con i cosiddetti poteri forti, dalla massoneria, al Bilderberg, alla Goldman Sachs con cui non ho mai avuto nessun rapporto, neppure casuale. Dietro Gianroberto Casaleggio c'è solo Gianroberto Casaleggio", si legge ancora.
Ma chi è Gianroberto Casaleggio? E la Casaleggio Associati? E i soci della Casaleggio Associati? E a quale "strategia di Rete" si ispira la Casaleggio Associati? Sono infatti queste alcune delle domande a cui molti sostenitori di Beppe Grillo, e soprattutto del MoVimento 5 Stelle, vorrebbero fosse data una risposta, in nome di quella trasparenza che invece viene pretesa, giustamente, per poter governare un Paese.
Il chiudere poi la lettera con un "Grillo per me è come un fratello" quando si cerca di dipanare i dubbi sui suoi presunti legami con la massoneria potrebbe essere sembrata ai più maliziosi una curiosa gaffe di Gianroberto Casaleggio.
Senza contare che salutare con "Honi soit qui mal y pense", motto del più antico ed elevato ordine cavalleresco del Regno Unito, e cioè l' "Ordine della Giarrettiera", non è parso a qualcuno esattamente politically correct, nel senso più nobile del termine.
Anche per questo, tra i commenti del blog di beppegrillo.it, c'è chi rispolvera un vecchio appello che spesso faceva proprio Beppe Grillo, e cioè "Non credete a tutto quello che vi viene detto, ma informatevi!".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: