le notizie che fanno testo, dal 2010

Consultazioni, Beppe Grillo non fa parlare Matteo Renzi. Il botta e risposta

Beppe Grillo sembra trovarsi in difficoltà nel corso del faccia a faccia con Matteo Renzi, incontrato nel giro di consultazioni. Per Beppe Grillo infatti Matteo Renzi "non è credibile" e quindi non lo fa parlare perché "non è problema di programma ma di chi lo dice". Ecco il botta e risposta tra Beppe Grillo e Matteo Renzi.

Beppe Grillo sembra trovarsi in difficoltà nel corso del faccia a faccia con Matteo Renzi. Il leader del MoVimento 5 Stelle, infatti, non ha praticamente fatto parlare il premier incaricato da Giorgio Napolitano a formare il governo, sostanzialmente perché Matteo Renzi, secondo Beppe Grillo, "non è credibile". Ai giornalisti presenti, dopo il termini delle consultazioni, Beppe Grillo infatti specifica: "Non è problema di programma ma di chi lo dice". Le consultazioni con Beppe Grillo iniziano con Matteo Renzi che cerca di spiegare che non vuole chiedere al MoVimento 5 Stelle "nessun accordo vecchio stile". "Non vi stiamo chiedeno nessuna fiducia" prosegue Renzi, interrotto quindi da Beppe Grillo che chiede: "Perché allora siamo venuti?". Da qui, prosegue il botta e risposta tra Beppe Grillo e Matteo Renzi, con il leader del M5S che alla fine non lascia nemmeno un minuto di tempo al segretario del PD per provare ad esporre i punti programmatici su cui ci potrebbe essere una convergenza politica, come per esempio il "disegno di legge Del Rio sulle Province".
Matteo Renzi: "Nei prossimi mesi inizia il semestre europeo, vediamo di cambiare l'Europa sistemando prima le cose a casa".
Beppe Grillo: "Tu rappresenti le banche, i poteri forti, prima dici una cosa e poi fai il contrario. - e ancora - Noi siamo i conservatori. Tu vuoi svendere la nostra sovranità in Europa, noi la vogliamo mantenere".
Matteo Renzi: "Guarda che non è il trailer di un tuo show, forse sei in difficoltà sulla prevendita".
Beppe Grillo: "Tu sei una persona non credibile. Noi siamo i nemici fisici di ciò che rappresenti. Fai il copia e incolla del nostro programma. Siamo venuti per dimostrare la nostra totale indignazione su ciò che rappresenti. Sei giovane ma rappresenti la vecchia politica".
Matteo Renzi cerca di parlare, facendo notare la leader del M5S che il monologo non è democratico.
Beppe Grillo replica: "Non sono democratico con voi".
Matteo Renzi: "Non lo sei mai stato".
Beppe Grillo: "Tu sei una persona buona che rappresenta un sistema marcio. Nessuna fiducia". Matteo Renzi conclude, prima di salutare la delegazione del MoVimento 5 Stelle: "Beppe, esci da questo streaming, smettila. C'è bisogno di affrontare le cose reali".
Una volta terminato l'incontro con Renzi, Beppe Grillo attacca anche i giornalisti affermando: "Siete parte di questo problema. - e spiega - Io se era per me non venivo. Non mi interessa colloquiare democraticamente con un sistema che voglio abolire. Abolire il sistema dei partiti. Voglio cambiare il Paese sennò vado via. Cosa parlo con questo qua. Bisogna azzerare la classe politica, perché sono i responsabili della crisi dell'Italia". Rispondendo alle domande dei giornalisti sul metodo decisionale all'interno del MoVimento 5 Stelle, Beppe Grillo risponde, provocatoriamente: "Voglio una dittatura sobria. Decido tutto io".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: